“Il teatro della taranta” (Tra finzione scenica e simulazione) di Brizio Montinaro

Il volume (Carocci Editore, Collana “Biblioteca di testi e studi” Antropologia Culturale, pagine 256 con figure) si apre con un saggio introduttivo teso a presentare al lettore, situandoli nel loro naturale contesto, cinque testi teatrali che Montinaro ha ritrovato.

Attraverso l’analisi di questi testi e delle opere di illustri medici, filosofi, naturalisti e viaggiatori, l’autore giunge ad una visione antropologica del fenomeno nuova e affascinante.

In un continuo rovesciamento di prospettive, quasi fossimo in una sala degli specchi, passando dalla realtà alla rappresentazione, dalla finzione alla simulazione, si giunge a mettere in crisi il già saputo su un fenomeno tanto affascinante quanto misterioso e inquietante.

Autori dei testi teatrali sono i grandi scrittori del passato Pedro Calderón de la Barca, Luis Vélez de Guevara, Francesco Albergati Capacelli, M. Clément*** ed Eugène Scribe.

Così, mentre gli uomini di scienza si interrogavano sull’essenza del tarantismo e sulle cure per guarire da questa malattia, nei più importanti teatri d’Europa ci si dilettava e si rideva seguendo le vicende dei tarantati, veri o falsi che fossero, messi in scena in spettacoli di prosa e in acclamati balletti con star internazionali.

Il presente libro, è inclusa nella serie curata dal gruppo di studiosi riuniti nel progetto internazionale “Storia e memoria del tarantismo” promosso dalla Fondazione Notte della Taranta e dall’Institut Éthique Histoire Humanités (IEH2) dell’Università di Ginevra, ed ospita edizioni critiche di “classici” della letteratura storica, monografie di taglio storico-antropologico, etnografie sulla patrimonializzazione contemporanea, saggi di approfondimento bibliografico.

A cinquant’anni dalla pubblicazione della “Terra del rimorso” di Ernesto de Martino e sull’onda del rinnovato interesse scientifico e culturale per il tarantismo, la serie “Storia e memoria del tarantismo” si propone di riattraversare con nuovi strumenti ermeneutici la vertiginosa rete discorsiva che da secoli si costruisce attorno al simbolismo del ragno che morde e avvelena, alle prodigiose proprietà risanatrici della musica e alla storia della possessione europea.

Queste tematiche sono affrontate privilegiando il rapporto tra dimensione locale del fenomeno e circolazione globale del dibattito sull’argomento; le connessioni tra le interpretazioni del passato e le pratiche di reinvenzione contemporanee; il dialogo tra storia e antropologia come metodo interdisciplinare che consente di cogliere nella lunga durata variazioni e persistenze del significato attribuito al fenomeno.

L’interessante e storico libro di Brizio Montinaro tratta i seguenti temi: L’invenzione del tarantismo – Il tarantismo nella Spagna del Seicento: realtà e finzione teatrale – La tarantola nel teatro e nella realtà italiana del Settecento – L’Ottocento e le tarantole francesi – Le donne e l’accusa di simulazione. Modesta difesa. Il teatro della vita.

Inoltre si avvale dei testi “Entremés de la Franchota / La Franchota” di Pedro Calderón de la Barca – “Los atarantados / I tarantolati” di Luis Vélez de Guevara – “La tarantola” del Marchese Francesco Albergati Capacelli – “Le danseur éternel / L’eterno danzatore” di M. Clément*** – “La tarentule / La tarantola” di Eugène Scribe.

Chiude il tutto una accurata ed approfondita Bibliografia.

L’autore

L’autore, Brizio Montinaro, è attore e scrittore. Ha lavorato con alcuni maestri del cinema europeo: Miklós Jancsó (La tecnica e il rito), Luigi Comencini (Delitto d’amore), Alberto Lattuada (Oh! Serafina), Giuliano Montaldo (Circuito chiuso) e Theo Angelopoulos (O’ Megalexandros). È autore di: “Salento povero” (Longo Editore, 1976), “Canti di pianto e d’amore dall’antico Salento” (Bompiani, 1994/2018), “San Paolo dei Serpenti” (Sellerio, 1996), “Danzare col ragno” (Argo, 2007), “Il tesoro delle parole morte. La poesia greca del Salento” (Argo, 2009).

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.