Il topo nel cortile: la verità è un colpo di fucile

704

Scenografia elegante, un salotto “borghese”come ce ne sono tanti. Una credenza, un tavolo, due puff, una finestra centrale, unico contatto con il mondo esterno. Quattro sedie, come quattro sono i protagonisti. Il tutto sapientemente e fortemente rivisitato da uno sgargiante rosso “passione” e dal colore nero a contrasto: molti cassetti dalle maniglie dorate, metafora di qualcosa da custodire, tenere in ordine, proteggere o forse meglio celare o nascondere, qualcosa da tenere al riparo o meglio all’ombra da qualcosa  o da qualcuno. Qualcosa che non si può può o non si vuole vedere.  Molteplici cassetti i cui contenuti a un certo punto pretendono di respirare “vedere la luce”, con  impeto, rabbia, frustrazione, violenza.

Questo e altro è il Topo nel cortile, atto unico scritto e  sapientemente diretto da Daniele Falleri, con Elena Russo, Emanuele Salce, Laura Adriani e Andrea Standardi in scena al Teatro Belli dal 20 al 30 marzo.

Una famiglia all’apparenza normale alle prese con un grosso “problema”: una gravidanza della giovane figlia. Una madre Gianna, portata in scena da Elena Russo, perfetta per fisicità, eleganza, bellezza e soprattutto per temperamento e carattere, fasciata in un tubino di pizzo nero è una donna e madre passionale fin troppo energica. Un padre dal volto pacioso e rassicurante, uno straordinario Emanule Salce perennemente in bilico tra una costante e inesorabile sottrazione alle scelte della vita e una grande, quasi stucchevole, dolcezza; una figlia sedicenne muta e incinta, una giovane e brava Laura Adriani, e un figlio maggiore adolescente “ormonalmente” arrabbiato con il mondo e con la vita, portato in scena da un energico e appassionato Andrea Standardi. Il testo e la recitazione scorrono in maniera estremamente fluida ed equilibrata, con una bella energia, mai ostentata o eccessiva, merito di un ottimo testo, di una bella regia valorizzata soprattutto da un bel disegno luci che accompagna i colori e i caratteri dei quattro attori.  Inizialmente si ride e anche tanto ma poi ad un cero punto qualcosa si spezza, si incrina, si rompe, vira nella direzione di verità inaspettate che fanno male, feriscono, uccidono, quasi come i colpi di fucile che rompono e interrompono la piece. I personaggi sono costretti all’”urgenza”di nuove realtà e ad evolvere su nuove e inaspettate corde. Ecco che tutto diventa straordinariamente vero, tangibile, vivo. Eccellente la maturazione di Gianna-Elena Russo nel virare da donna e madre dominatrice estremamente brillante ed eccessiva nella suo più o meno consapevole delirio di controllo a donna che tra le fessure mostra la sua fragilità, dolcezza e drammaticità.

Il topo nel cortile è davvero uno spettacolo che merita di essere visto, per la cura del testo e del recitato,  per la raffinatezza del movimento, e la qualità che traspare in ogni  minimo e minuscolo, dettaglio ma soprattutto per  la verità e l’eleganza quasi delicata nel trattare temi che spesso, se mal gestiti, possono risultare “un cazzotto nello stomaco”. Da vedere, da vivere, da gustare.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.