Dall’incontro tra la drammaturgia di Paolo Scheriani e il magico e sensuale mondo del fumetto di Guido Crepax nasce IO SONO SALOME’, una riscrittura in chiave moderna del mito della Salomè pubblicata nella collana “Eroine alla Fine” (edito dalla Lizard edizionegruppo rcs). Le tavole di Crepax, però, non fanno da accompagnamento e da cornice al testo di Scheriani, come quelle di Beardsley per Wilde, ma sono testo a loro volta. La narrazione si alterna tra testo scritto e disegnato, parole e disegni si mescolano e si fondono, in tipica chiave sperimentale. E sperimentale è anche il soggetto dell’opera, una Salomé rivisitata con gli occhi del mondo di oggi.

Un dramma borghese, in un testo che ti trascina verso uno scontro primordiale tra il desiderio di possesso e la ricerca dell’amore,  nell’incerta  consapevolezza  della  fine;  un’interpretazione  che trova spazio ed espressione in un flusso ininterrotto di immagini.

Uno spettacolo che danza sulle parole in punta di lingua, dove la musica, la danza, il teatro e l’inchiostro si uniranno magicamente per dar vita all’incanto di una storia che dal vangelo approda sulle tavole del palcoscenico.

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.lanouvellevague.it/home/wp-content/plugins/ultimate-author-box/inc/frontend/uap-shortcode.php on line 119
style=”display:none;”>
Author Details
Classe ‘79, dopo il liceo classico studia comunicazione e per sei anni realizza eventi aziendali in tutta Italia. Nel frattempo, affascinata dalla fotografia, partecipa a corsi e workshop specifici, finchè decide di specializzarsi a livello professionale. Viene quindi ammessa all’Accademia del Teatro alla Scala, dove si diploma in fotografia di scena. Ora lavora come fotografa freelance, realizzando reportage di eventi, fotografie di interni e foto di scena. La fotografia è per lei qualcosa di magico, capace di sorprendere, commuovere, far sorridere. Ma più di tutto è l’importanza di un ricordo che vivrà nel tempo.
×
Classe ‘79, dopo il liceo classico studia comunicazione e per sei anni realizza eventi aziendali in tutta Italia. Nel frattempo, affascinata dalla fotografia, partecipa a corsi e workshop specifici, finchè decide di specializzarsi a livello professionale. Viene quindi ammessa all’Accademia del Teatro alla Scala, dove si diploma in fotografia di scena. Ora lavora come fotografa freelance, realizzando reportage di eventi, fotografie di interni e foto di scena. La fotografia è per lei qualcosa di magico, capace di sorprendere, commuovere, far sorridere. Ma più di tutto è l’importanza di un ricordo che vivrà nel tempo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.