foto di A.Giglio
foto di A.Giglio

Si è svolta ieri, presso l’incantevole cornice dell’Ambasciata d’Irlanda a Villa Spada al Gianicolo, la conferenza stampa di presentazione della VII edizione dell’IRISHFILMFESTA.

Ad ospitare l’intera manifestazione saranno gli spazi della Casa del Cinema di Roma a Villa Borghese dal 27 al 30 marzo.

A fare gli onori di casa è intervenuto l’Ambasciatore irlandese Bobby McDonagh alla sua prima esperienza con un Festival che vuole dar luce ai tanti diversi aspetti dell’Irlanda dei nostri giorni, non quella da cartolina cui più siamo abituati.

“L’enorme partecipazione registrata nei giorni che hanno preceduto l’evento dimostra la grande vitalità della cinematografia irlandese in continua crescita sia a livello artistico che d’industria”.

L’ambasciatore non ha mancato di rimarcare anche l’enorme eredità che il cinema italiano ha regalato al mondo e, con un pizzico d’orgoglio ha evidenziato come, seppure solo per una breve inquadratura, Villa Spada appaia nel recente vincitore dell’Oscar “La Grande bellezza”.

Un festival che cresce ogni anno di più e a dimostrarlo sono anche i tanti sponsor tra i quali figura lo Ied Roma che ha realizzato un teaser del festival e ha formato una giuria  che valuterà il miglior cortometraggio d’animazione oltre a realizzare un best of del festival.

Questa quattro giorni non sarebbe stata possibile senza il lavoro di Susanna Pellis, direttore artistico della manifestazione che ha snocciolato il ricco carnet di appuntamenti del Festival.

Giovedì si inizierà in mattinata col convegno “Meet Ireland on Screen”, per proseguire con Irish Classic dedicato ai film irlandesi

foto di A.Giglio
foto di A.Giglio

vecchi già di qualche anno che non hanno trovato distribuzione in Italia.

Si tratterà in questa occasione del documentario di Bob Quinn “Atlantean”, restaurato recentemente. Proprio Quinn è l’autore col quale si identifica l’iniziatore del cinema irlandese. È infatti “Requiem per Art O’Leary” dal quale si fa cominciare storicamente il cinema irlandese che come sappiamo non è di vecchia data essendo riuscito solo alla fine degli anni 70 a trovare una propria strada produttiva mentre prima era soltanto meta per registi stranieri che facevano film sull’Irlanda o in Irlanda.

Il film di apertura serale sarà “The Stag” di J. Butler con A.Scott che ha ultimamente lavorato con  Ken Loach.Una commedia sceneggiata da Peter McDonald, già candidato all’Oscar per la sceneggiatura di un cortometraggio che vinse in una edizione passata dell’IRISHFILMFESTA.

Nei giorni successivi si alterneranno cortometraggi, lungometraggi e persino workshop come quello di venerdì di recitazione, aperto sia agli studenti che al pubblico generale tenuto dal regista G.Cantwell con l’attrice protagonista del suo film “The Callback Queen”,  Amy Hastings.

Ci sarà pure l’omaggio al grande Peter O’Toole e l’incontro con sua figlia, l’attrice Kate O’Toole, che per la prima volta parlerà davanti ad un microfono di suo padre dopo la sua morte.

Impossibile non segnalare la proiezione nella serata di sabato di “Byzantium” del regista Neil Jordan, già con distributore italiano.

Si conclude il Festival  domenica 30 marzo con il Belfast Day. Una giornata con tre proiezioni dedicate alla città Nordirlandese.

L’annuncio dei vincitori avverrà prima della proiezione di “Good Vibration”, film del 2012 che è basato su una storia vera.

Nella Belfast in pieni troubles, il protagonista decide di aprire un negozio di dischi divenendo produttore discografico delle migliori band punk dell’epoca.

Ottimo gancio questo per il  party conclusivo che si terrà non a caso all’Hard Rock Cafe.

Noi della Nouvelle Vague Magazine saremo assidui frequentatori della Casa del Cinema nei prossimi giorni, non perdete questa occasione!

Per il programma completo si rimanda  al sito www.irishfilmfesta.org

  • Articoli
Chi sono
Autore, Fotografo , La Nouvelle Vague Magazine
Prima o poi scriverò qualcosa di me …
×
Autore, Fotografo , La Nouvelle Vague Magazine
Prima o poi scriverò qualcosa di me …
Latest Posts
  • "A spasso con il mago - Merlino e io" di Marco Tullio Barboni
  • Franco Nero - The Broken Key Photocall In Rome © Alessandro Giglio
  • Alessio Boni in Uccisa in attesa di giudizio
  • Dakota Fanning © Alessandro Giglio / La Nouvelle Vague Magazine 2017

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.