ITS 2019 lancia un suo premio dedicato alla sostenibilità, l’ITS Sustainability Award.
Un argomento urgente, da cui è impossibile rifuggire per il fashion system, secondo comparto fra i più inquinanti, che si trova davanti alla necessaria ricerca di soluzioni per trasformarsi di fronte a questa emergenza globale.

L’esigenza di attenzione a questa nuova sfida è emersa fin dai portfolio degli oltre 800 iscritti all’edizione di quest’anno, come emerso da una attenta analisi dei progetti ricevuti.

Barbara Franchin

Barbara Franchin – ITS founder and director

E’ dalla sostenibilità che partono tutte le derive, un tema la cui rilevanza era già stata messa in evidenza nel 2016. Allora i designers stavano appena iniziando a comprendere e a ragionare su metodologie meno impattanti, focalizzandosi molto sull’etica delle condizioni di lavoro nel settore, memori della tragedia del Rana Plaza. L’approccio attuale – materiali e trattamenti naturali, massiccia applicazione dell’upcycling, riutilizzo degli scarti, dei rifiuti, della plastica – ha una consapevolezza ed una lucidità che sorprende, lasciandoci nella speranza che il percorso sia solamente iniziato nel fashion system, il secondo settore più inquinante per l’ambiente.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.