La Lezione di stile di AmArti

873

di Giulia Bornacin

Intervista a cura di Michele Albini

E’ uno dei testi più rappresentati dell’ autore dell’ assurdo per antonomasia, Eugéne Ionesco, che nel suo genere è una garanzia. E chi, come la compagnia AmArti, vuole fare del teatro un’occasione per lanciare provocazioni, sfide e spunti per riflessioni, sicuramente in Ionesco può trovare dell’ ineccepibile materiale.

La lezione: una governante, un’allieva e un professore. Una lezione privata su matematica, filologia e linguistica che, in un susseguirsi di provocazioni, intimidazioni e tormenti, sfocia nel più esasperato limite.

E’ un inno all’incomunicabilità quello che AmArti sceglie. Avrebbe voluto stravolgerne l’impostazione canonica per renderlo ancora più attuale, facendo rientrare nella pièce argomenti come il precariato e l’instabilità, affidando il ruolo della giovane allieva ad un “40enne mammone”. Il permesso negato dai detentori dei diritti ha portato la compagnia ad optare per la classica messa in scena che si è rivelata un eccellente esercizio di stile. Protagonista assoluto Claudio Scaramuzzino. Impersonifica l’impazienza e la frustrazione con tale intensità da trasformare il “sopra le righe” della regia in un’ accattivante verità.

Ritmi serrati e gran lavoro tra colleghi per uno spettacolo che non delude le aspettative.

LA LEZIONE

di

Eugène Ionesco

con

Rosa Brancatella, Claudio Scaramuzzino,

Flavia Faloppa

regia

Claudio Monzio Compagnoni e Mimmo Strati

Aiuto regia

 Stefano Scaramuzzino

Scenografia

 Michele Funghi

Foto di scena

 Loredana Pensa

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.