La musica classica fa rete ed i numeri le danno ragione

670
NEI SUONI DEI LUOGHI, CARNIARMONIE E
FESTIVAL INTERNAZIONALE DI MUSICA DI PORTOGRUARO INSIEME 

Presentati i risultati del 2015 della rete tra i tre festival che portano la musica classica al grande pubblico.

Oltre 21.000 gli spettatori e 60 le amministrazioni comunali coinvolte a cavallo tra FVG e Veneto

Fine anno, tempo di bilanci. Tirano le somme anche i due festival musicali del Friuli Venezia Giulia e quello del Veneto orientale che hanno come minimo comune denominatore la promozione della musica classica: Nei Suoni dei Luoghi, organizzato dall’Associazione Progetto Musica di Udine e vetrina dei migliori giovani talenti provenienti dai Conservatori del nord est italiano e dalle Accademie musicali straniere del vasto territorio che va dal Veneto ai Balcani, Carniarmonie capace, sotto la regia della Fondazione Luigi Bon e del Comune di Tolmezzo, di farci scoprire luoghi di rara bellezza della Carnia, e il Festival Internazionale di Musica di Portogruaro, organizzato dalla Fondazione Musicale Santa Cecilia, dedicato quest’anno agli esotismi, alle influenze, agli arcaismi e all’avventura del suono del ’900.
A luglio di quest’anno gli organizzatori dei tre festival avevano annunciato l’inizio di un percorso di condivisione che già dall’edizione 2015 li ha portati a costruire un circuito per offrire al pubblico quasi 100 concerti in oltre 60 Comuni. Un’offerta culturale, con musica di alta qualità in luoghi suggestivi e ricchi di fascino, che varca i confini delle singole regioni promuovendo i territori, le loro peculiarità e le loro eccellenze.
Una collaborazione che in futuro potrà essere ulteriormente rafforzata ed estesa, anche alla luce degli incoraggianti risultati che sono emersi a poca distanza dalla chiusura delle singole edizioni: sono stati complessivamente quasi 21.000 gli spettatori, 98 i concertiorganizzati in soli 3 mesi, con il coinvolgimento di 750 artisti, 61 amministrazioni comunali, oltre 20 sponsor privati, 3 conservatori italiani, 5 accademie estere e quasi 40 persone coinvolte nell’organizzazione. Numeri aggregati, quelli presentati, che non sono da meno quando si parla dell’impatto che i tre festival hanno avuto sul fronte del comunicazione: sono in totale quasi un migliaio gli articoli tra web, carta stampata e trasmissioni radio e tv che hanno parlato delle tre manifestazioni, con l’aggiunta di 125.000 pagine dei rispettivi siti web (carniarmonie.it, neisuonideiluoghi.it e festivalportogruaro.it) visitate e 6.000 follower su Facebook. 
Una sinergia dunque, che fin da subito ha prodotto risultati concreti. Tutto questo senza creare nulla di nuovo, ma semplicemente trasformando, condividendo e valorizzando il lavoro costruito passo dopo passo in tutti questi anni: 17 per Nei Suoni dei Luoghi, 24 per Carniarmonie e 33 per il Festival di Portogruaro. Una rete che va nella stessa direzione indicata dal patto per la cultura a Nordest firmato pochi giorni fa a Venezia.
La musica che collega note, persone e luoghi e che supera i confini, anche quelli più tradizionali che la vogliono suonata nelle sale di teatri o altri templi della cultura e che è capace invece di portare i concerti anche in luoghi insoliti, magari poco conosciuti, in un’ottica di valorizzazione del nostro territorio regionale, delle sue unicità e potenzialità. È questo che accomuna i tre festival, che in un’ottica di economie di scala sono stati capaci di dialogare tra loro e unirsi per proporsi in modo ancora più forte nel settore culturale, dimostrando che sviluppare progetti transregionali è possibile
ha dichiarato Gianni Torrenti, assessore alla Cultura della Regione FVG, che sostiene Nei Suoni dei Luoghi e Carniarmonie.
La collaborazione tra i tre festival, infatti, non si riduce a una semplice aggregazione di numeri finali, ma si è concretizzata sotto quattro diversi aspetti: il primo che ha portato alla condivisione della Direzione artistica del Maestro Enrico Bronzi tra Nei Suoni dei Luoghi e il Festival di Portogruaro, il secondo che ha visto impegnati in alcuni dei concerti dei tre Festival giovani musicisti selezionati dall’Associazione Progetto Musica provenienti dai Conservatori del triveneto e dalle Accademie dell’est Europa, (cfr. Big Tartini Band, il solista Pavel Cyargeenka, il Quartetto di Udine, il Meridian Sax Quartet, il Trio Evterpa,  lo Zari Percussion Duo e il pianista Nicola Losito); il terzo aspetto ha messo in campo una promozione congiunta sia attraverso la distribuzione durante tutti i concerti del materiale promozionale dei tre festival e sia riportando in ciascun programma di sala i successivi concerti di tutte e tre le iniziative. Infine il quarto aspetto ha riguardato un supporto congiunto su aspetti tecnici e logistici. 
Un’esperienza dunque, quella di Nei Suoni dei Luoghi, Carniarmonie e del Festival Internazionale di Musica di Portogruaro, che ha permesso di aggregare realtà pubbliche e private coordinando le esperienze, creando circolarità, scambio e sperimentazione fra tutte le forze vive del nostro territorio e al di là dei confini regionali con il Veneto e fino alle terre dell’Est Europa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.