La poesia della danza del ventre di Ronit Mandel Abrahami

6219

“La poesia della danza del ventre”

(come voce dell’archetipo femminile)

di Ronit Mandel Abrahami

 

“L’arte della danza del ventre” liberata dagli stereotipi occidentalizzati che spesso impediscono di apprezzarne il significato reale è il soggetto di questa approfondita ricerca di Ronit Mandel Abrahami (edito dal Gruppo Albatros Il Filo nella collana “Nuove Voci”, 228 pagine), che si spinge ben oltre la passione per questa disciplina, andando a indagare i fondamenti storico-religiosi finanche mitologici e teorici di un tipo di danza.

Svela autentica poesia, mostrando l’aspetto più sacro e magico. Attraverso il rapporto diretto di ogni singola danzatrice con il proprio corpo e, mediante questo, con la terra, la danza orientale si scopre come strumento di conoscenza profonda, rimandando all’archetipo femminile.

La poesia della danza del ventre di Ronit Mandel AbrahamiL’interessante saggio svela, fisicamente oltre che metaforicamente, la danza del ventre, eliminando quell’alone di convinzioni non fondate che l’hanno tramandata come strumento esclusivamente di sensualità; la Abrahami presenta così la danza che ama, e gli strumenti che, appoggiandosi al “Metodo Feldenkrais”, ha elaborato per l’insegnamento di questa affascinante e storica disciplina.

Il Gruppo Albatros Il Filo

Il Gruppo Albatros Il Filo nasce dall’esperienza della casa editrice Il Filo, che ha incorporato nella propria denominazione sociale il nome della sua collana di maggior rilievo, Albatros. Il Gruppo Albatros Il Filo, inoltre, è proprietario del marchio Caos Film, dedicato a produzioni televisive, radiofoniche e cinematografiche.

Le collane.

Albatros Gli Speciali” collezione di grandi opere letterarie, la collana ospita alcune delle personalità più rilevanti della letteratura contemporanea italiana e internazionale, tra cui Luciano De Crescenzo, Alberto Bevilacqua, Stefano Zecchi, Alda Merini, il poeta Premio Nobel Octavio Paz e Fernando Pessoa, di cui abbiamo proposto due inediti mondiali.

Nuove Voci”: dedicata alla letteratura emergente, è la collana del settore più recensita e premiata d’Italia. Un progetto innovativo, che ha permesso a decine di migliaia di lettori di apprezzare autori finora poco conosciuti. Acquisite da editori stranieri, alcune opere di Nuove Voci sono pubblicate all’estero.

Tra i prefatori della collana: Andrea Camilleri, Alberto Bevilacqua, Vittorio Sgarbi, Carlo Verdone, Ennio Morricone, Walter Veltroni, Carlo Lucarelli, Gabriele La Porta, Maurizio Costanzo, Sergio Zavoli.

I Giganti”: i più significativi classici italiani e internazionali in formato pocket. Decinedi migliaia di copie già vendute. Tra i volumi finora pubblicati, “Le notti bianche” di Fëdor Dostoevskij, “La metamorfosi” di Franz Kafka e “Il Profeta” di Khalil Gibran.

L’autrice

L’autrice Ronit Mandel Abrahami inizia già da bambina la sua esperienza artistica.

All’età di otto anni, si iscrive alla scuola più prestigiosa di Tel-Aviv per studiare danze etniche con rivisitazione moderna.

Il suo percorso di artista è profondamente segnato dall’esperienza vissuta con i Beduini, in uno dei numerosi viaggi compiuti nel deserto del Sinai e del Negev durante l’adolescenza.

Nella sua lunga e continua indagine sull’aspetto “sacro” di questa disciplina, frequenta seminari di Danza Indiana che influenzano decisamente il suo stile, nell’instancabile ricerca della matrice comune a tutte le Danze Sacre. In Italia consegue il Diploma in Pittura all’Accademia di Belle Arti di Carrara e di insegnante AID&A di terzo livello (massimo livello).

Nel 2001 fonda l’Accademia di Danza Orientale a La Spezia, oggi centro professionale AID&A.

Partecipa a numerose trasmissioni televisive esibendosi a Canale 5, Rai Due, Canale Italia, Milano + e Canale 37, ma la sua vera passione rimane il Teatro: produce numerosi spettacoli teatrali di Danza Orientale, curando coreografie e scenografie utilizzando i suoi quadri, ha eseguito tournée con i suoi spettacoli “Il risveglio della Dea’’ e “Il Miele del Deserto’’ portando con sé la sua Compagnia formata da ballerine, musicisti e attori, collaborando con il regista Stefano Canci e Mario Franceschetti, (fondatore del teatro studio di Grosseto).

Nel rivalutare altresì l’aspetto terapeutico di questa disciplina, organizza conferenze in collaborazione con illustri professionisti nel campo della medicina; ha inoltre collaborato con gli assistenti sociali dell’Unità Operativa assistenza ai disabili dell’ASL n. 5 in un’iniziativa da loro promossa a favore di un certo numero di disabili, ottenendo ottimi risultati.

Il Metodo Ronit® è un marchio registrato riconosciuto da molti fisioterapisti che l’hanno sperimentato con ottimi risultati. Oggi la danza di Ronit è nota a livello internazionale in quanto pur mantenendo la matrice originale delle danze etniche sacre mediorientali, ha saputo evolvere per trasformare la sua danza in chiave contemporanea.

Ronit Mandel Abrahami è un’artista a 360 gradi, da anni lavora con fotografi sull’archetipo femminile come modella.

Ha ideato l’art video “quadro in movimento-estetica dell’inconscio”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.