La tecnica di Isadora Duncan

2443

La tecnica di Isadora Duncan, a cura di Francesca Falcone e Patrizia Veroli, costituisce l’edizione italiana del manuale che raccoglie in dodici lezioni i principi fondamentali dello stile di “Isadora Duncan”.

Esso fu pubblicato nel 1937 da Irma Erich-Grimme (1897-1977), nota come Irma Duncan, una delle figlie “adottive” di Isadora, e venne ristampato in seguito negli Stati Uniti.

Allieva tra le prime di Isadora, Irma è stata molto vicina a lei, in particolare negli anni Venti, quando Isadora la incaricò di insegnare nella scuola da lei fondata a Mosca e a cui si iscrissero alcune decine di allieve.

Con loro Irma si esibì più volte e realizzò anche alcune tournée in Russia e negli Stati Uniti. Stabilitasi definitivamente a New York nel 1930, dedicò tutta la sua vita alla divulgazione dei principi tecnici della danza di Isadora.

La tecnica di Isadora DuncanIl manuale (104 pagine) è corredato da tre interventi di altrettante studiose di danza. Il primo testo, di Laetitia Doat, è una testimonianza del ruolo cruciale giocato dal manuale nel suo apprendimento della tecnica Duncan.

Alcuni dei fondamenti tecnici dello stile di Isadora vengono discussi da Francesca Falcone, che li mette a raffronto con altre impostazioni di tecnica moderna dei primi decenni del Novecento.

Patrizia Veroli tratta invece delle scuole fondate da Isadora in Germania e in Russia e ne contestualizza gli insegnamenti.

La pubblicazione, che include le foto d’epoca con cui il manuale apparve nel 1937 oltre ad altre immagini, celebra varie ricorrenze: onora la memoria di Irma Duncan quarant’anni dopo la sua morte, il suo manuale redatto ottant’anni fa, e infine Isadora Duncan nel 90° anniversario della sua tragica scomparsa.

Le autrici

Irma Duncan si è a lungo esibita come danzatrice duncaniana, per poi dedicare tutta la sua vita all’insegnamento. È autrice di: “Isadora Duncan’s Russian Days & Her Last Days in France” (con A.R. Mcdougall, 1929), “The Technique of Isadora Duncan” (1937) e “Duncan Dancer”, la sua autobiografia (1966).

Laetitia Doat, danzatrice, Maître de conférences nel Dipartimento Arts/danse dell’Università di Lille – Sciences Humaines et Sociales, ha conseguito il dottorato con una tesi sull’estetica di Isadora Duncan.

Francesca Falcone, docente di Teoria della Danza presso l’Accademia Nazionale di Danza, è autrice di vari volumi e saggi, nonché di alcune ricostruzioni di brani di coreografie dell’Ottocento e del primo Novecento.

Patrizia Veroli, curatrice dell’“Arte della danza” di Isadora Duncan per la Dino Audino editore, è autrice di diversi volumi sulla storia della danza del primo Novecento e sul periodo del Romanticismo.

La casa editrice

Dino Audino editore è una casa editrice fondata nel 1897, con sede in Roma, specializzata nella formazione delle discipline dello spettacolo: cinema, teatro, televisione e altri media.

Dall’inizio, è sempre stata diretta da Dino Audino che era stato direttore editoriale e comproprietario fino al 1984 di una nota casa editrice della sinistra giovanile degli anni ‘70, la Savelli (Samonà e Savelli) che, tra le altre cose, in quegli anni pubblicò il best seller “Porci con le ali”.

Una delle attività più recenti e importanti della Dino Audino editore è stata la diffusione in Italia delle più note teorie americane sulla sceneggiatura, da quelle di Christopher Vogler a Linda Seger (Come scrivere una grande sceneggiatura), da Dara Marks (L’arco di trasformazione del personaggio), a Syd Field, infine, recentemente, anche a John Truby (Anatomia di una storia) e a Lajos Egri (L’arte della scrittura drammaturgica e L’arte del personaggio).

La diffusione di queste teorie è sfociata poi in due attività collaterali. La pubblicazione della rivista “Script”, in cui sceneggiatori italiani e internazionali dibattono intorno alla teoria e alla politica della sceneggiatura.

E la creazione del “Corso di formazione e perfezionamento per sceneggiatori RAI / Script” che, con la collaborazione di Rai Fiction, si occupa delle selezione e formazione di alcuni giovani talenti da destinare alla scrittura per l’audiovisivo. La casa editrice ha diverse Collane in catalogo tra cui Cinema, Media, Musica, Scrittura, Teatro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.