Più che un omaggio, un vero e proprio regalo fatto a tutti i presenti.

Un regalo dal sapore di un passato ancora attuale, una versione a colori di quel Gaber che molti di noi conoscono e ricordano attraverso i filmati in bianco e nero di una tv che ha raccontato l’italia.

Un’Italia portata in scena e raccontata in musica, con rabbia e ironia; ma anche con la simpatia di chi conosce lo strumento palcoscenico  riuscendo a mettere in piedi un “geniale scempio” del repertorio gaberiano, come Iacchetti stesso definisce lo spettacolo, citando Fegiz.

E se è per questo, il titolo la dice lunga perché una: “paraculata”, ci dice Iacchetti senza mezzi termini.

Aldilà degli scherzi, il lavoro di arrangiamenti e reinterpretazione dei pezzi è notevole; la sfida è riuscire a riconoscere le singole tracce dei mashup.

Interessante l’uso delle sculture luminose a sottolineare di volta in volta i pezzi celebri, create ad hoc dall’artista Marco Lodola, l’intero spettacolo è scritto a quattro mani tra Enzo Iacchetti e Giorgio Centamore.

E se avete avuto “una brutta giornata” potrete sempre fare uno shampoo ricordando “che i migliori son i più cari perché sono… antiforfora”!

[flagallery gid=197]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.