Apprezzatissimo dal pubblico il concerto di Emel Mathlouthi al Teatro Miela di Trieste lo scorso 17 febbraio.

Emel Mathlouthi al Teatro Miela, Trieste © Fabrizio Caperchi Photography / La Nouvelle Vague Magazine 2018
Emel Mathlouthi al Teatro Miela, Trieste © La Nouvelle Vague Magazine 2018

Ad accompagnare Emel Mathlouthi sul palco il tastierista Pier Luigi Salami ed il batterista Shawn Crowder.

Da più parti definita “la voce della rivoluzione tunisina” capace di rappresentare nell’immaginario collettivo “la rabbia della rivolta e la dolcezza del gelsomino”, Emel Mathlouthi mette in versi il suo desiderio di libertà.

Una ‘primavera’ vissuta tra i palchi parigini e i cortei di avenue Bourguiba, cantando ‘parole libere’ contro la dittatura e il regime.

Al Miela ha aperto il concerto una personale rivisitazione del brano New Year’s Prayer” di Jeff Buckley per poi proseguire con i brani tratti dal suo secondo album Ensen.

Ecco alcune immagini del concerto.

Emel Mathlouthi al Teatro Miela, Trieste – Foto di Fabrizio Caperchi

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.