Le Troiane, variazioni sul mito

774

LE TROIANE   Variazioni sul mito

Il Teatro Romano degli Scavi Archeologici di Ostia Antica è uno scenario perfetto per “LE TROIANE – Variazioni sul mito” portato in scena il 20 luglio dalla compagnia Mitipretese.

- Advertisement -

Quattro attrici colte e talentuose, Manuela Mandracchia, Alvia Reale, Sandra Toffolatti, e Mariangeles Torres, che propongono una variazione de “Le Troiane” di Euripide rendendo questo classico uno spettacolo attuale e tagliente.

Quattro donne che, superstiti, attendono di essere  deportate come bottino di guerra. In attesa di un destino, che viene via via loro rivelato attraverso effetti scenici sorprendenti e di grande effetto, lamentano il trauma della perdita e dello sradicamento in atmosfere contemporanee rese tali dalla loro recitazione naturale e vera. Ciò permette allo spettatore  di estraniarsi dall’aspettativa della tragedia greca e di assistere ad uno spettacolo volto ad essere una denuncia alla guerra, un dramma universale in cui ogni epoca si possa riconoscere.

La scenografia è essenziale, scarna: alcune sedie che, all’occorrenza, diventano luoghi deputati, un tavolo divelto, un muro che da fondale, attraverso una trovata scenica geniale, diventa cimitero, valige, che ognuna di loro ha come unica testimonianza della propria esistenza e scrigno contenente ciò che nessuno potrà mai distruggere… tutto a servizio di quattro attrici generose e preparatissime che, con la loro regia collettiva (in alcuni punti quasi accademica), hanno affermato il loro ingresso nella rosa degli spettacoli  che meritano risonanza.

Il loro ingresso dalle gradinate ha riempito il teatro di vibrazioni sin dal primo momento. Una Ecuba (Alvia Reale, dall’interpretazione degna di nota) spaesata, che si aggira disperata tra gli spettatori, fa apparire gli stessi come vittime di una patria ormai in rovina. Da subito ci si sente parte dello spettacolo, non come semplici spettatori, ma come inconsapevoli protagonisti: vittime e carnefici, volenti o nolenti artefici di un destino che non dobbiamo, per alleggerirci la coscienza, attribuire alla volontà degli Dei.

Le parole di Euripide sono eterne, ma se trattate con mano sapiente e vera arte interpretativa, come quella di Mitipretese e Luigi Saravo, diventano vincenti.

 

LE TROIANE

Variazioni sul mito

 

drammaturgia e regia

Mitipretese e Luigi Saravo

con

Manuela Mandracchia, Alvia Reale, Sandra Toffolatti, e Mariangeles Torres

 

 

scenografo Emanuele Silvestri

costumi Annamaria Porcelli

musiche Francesco Santalucia

elementi di scena Bruna Calvaresi

direttore tecnico Mauro De Santis

direttore di palcoscenico Alberto Biondi

produzione esecutiva Paolo Broglio Montani

progetto grafico Silvia Placidi

foto locandina Francesco Biscione

- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.