Dopo il grande successo di Rugantino  in Italia e negli States, Enrico Brignano torna al Sistina con il suo nuovo spettacolo dal titolo ‘Evolushow’. È arrivato il momento di fare il punto della situazione, dato anche il momento storico così difficile che stiamo attraversando. Come ci siamo evoluti? Qual è il nostro rapporto con la tecnologia oggi? Vizi e virtù di una società che rimane invischiata, suo malgrado, nella ragnatela virtuale del web. Il poliedrico attore traccia i contorni della storia dell’umanità seguendo le varie tappe del percorso evolutivo e  sottolineando, con grande ironia, i pro e i contro. Dall’era glaciale a quella digitale il passo sembra davvero breve.

Durante gli intervalli musicali, Brignano è affiancato sul palco da ballerini-acrobati in costumi da primati che poi evolvono in astronauti, appena approdati su un altro pianeta. La scenografia, grazie all’aiuto della tecnologia digitale, diventa una sintesi tra cinema e teatro: lo spazio viene riempito da immagini futuristiche ma anche da foto legate all’infanzia dell’attore.

La società, in generale, pare soffrire di atteggiamenti che si trasformano in vere e proprie ossessioni, a cominciare dall’aspetto fisico perfetto fino ad arrivare alla foto-documento di ogni attimo della giornata che spesso sfocia nel selfie selvaggio. Un mondo più virtuale che reale, dunque. Siamo di fronte ad una evoluzione o a una involuzione della specie? Il comico romano, tentando di dare delle risposte a questi grandi interrogativi, cita anche Charles Darwin e Thomas Mann. Giocando solo come lui sa fare, Brignano oscilla tra la battuta e la riflessione, soffermandosi su temi che ci riguardano molto da vicino.

Tuttavia egli mantiene la promessa fatta e in questo spettacolo non parla né di politica ‘per non rovinare la serata a nessuno’ né di sanità ‘perché sarebbe come sparare sulla croce rossa’. Quello che fa è condividere con noi pensieri e considerazioni attraverso uno show che, come lui stesso ci dice, ‘va al cuore e alla testa senza scendere al compromesso della volgarità’. È un artista attento alle sfumature, che lascia il sottinteso e non scade mai. La risata spontanea coinvolge il pubblico di tutte le età. Non manca, tra gli argomenti trattati, una parentesi dedicata ai giovani, troppo spesso trascurati e giudicati senza valutare con la giusta obiettività  le difficoltà del vivere in un mondo che si fa via via più complicato.

Dopo essere stati messi di fronte  all’inevitabilità del cambiamento e del progresso e dopo aver ripercorso la nostra storia, quella dell’umanità, sorgono spontanee alcune domande: “Le specie non sono immutabili; ma sono la conseguenza di qualche altra specie generalmente estinta”, come sosteneva  Darwin oppure “Un’evoluzione è un destino” come diceva Mann? Difficile trovare una risposta univoca.

 

Evolushow , dal 27 gennaio al 29 marzo al Teatro Sistina di Roma

Con: Enrico Brignano

Autori: Mario Scaletta, Manuela D’Angelo, Mauro Fratini, Pietro Sparacino.

Musiche: Andrea Perrozzi

Arrangiamenti Andrea Tosi

Coreografie Manolo Casalino

Costumista: Paolo Marcati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.