L’uomo che beveva troppo. Un film alcoolico improvvisato

1079

L’uomo che beveva troppoAncora una volta un’esplosione di colore. Immersi nel noir della suspense al sapore hitchockiano e nel vino per un’idea originale e inequivocabile. Risate e tanto divertimento assicurati per tutta la durata dello spettacolo.

- Advertisement -

La compagnia di Improvvisazione Teatrale de I Bugiardini ci ha augurato Buon Natale in modo estroso. La sera del 20 dicembre al Teatro Abarico di Roma L’uomo che beveva troppo è stato un esempio in cui, seppur bevendo mentre si recita, mantenersi lucidi è una scommessa.

Tania Mattei, Francesco Lancia, Fabrizio Lobello, Giuseppe Marchei e Giuseppe Romeo hanno decisamente fatto esplodere il pubblico in risate clamorose, riempiendo di goliardia la sala del teatro.

L’improvvisazione teatrale dona ogni volta qualcosa di nuovo e dalla quale non si può fuggire, in quanto coinvolgente. La fantasia è viaggio.

Gli improvvisatori propongono agli astanti un film improvvisato basato sulle atmosfere alle quali Hitchock ci ha abituati con i suoi intramontabili capolavori di una fine suspense. Il titolo, La scala che scricchiola, suggerito dal pubblico è subito messo in scena.

Gli attori seguono delle regole. Mentre recitano hanno sempre un bicchiere in mano, il quale, viene riempito di una particolare bevanda alcolica. Uno psycho, un cappuccino e così via. Tutto dipende dal colore del liquore dentro la bottiglia e a seconda dell’inventiva del momento.

Ognuno invita i compagni a bere in scena, e il contenuto nel bicchiere deve essere bevuto prima della sua conclusione. Anche il pubblico èIMG_0005 esortato a sorseggiare il bicchiere di vino rosso offerto, ogni qual volta si vede l’apparizione di Alfred Hitchock, un bacio, un colpo di pistola, una morte e altri tipi di suggerimenti scritti sul retro del leaflet dello spettacolo.

La storia, ambientata a San Francisco, narra le vicende della famiglia Wislow. Gli interpreti si prendono il loro ruolo, perché nell’improvvisazione teatrale, senza copione, si percepisce come definire l’ambientazione delineandola con personaggi, luoghi e emozioni.

Lancia, interpreta Michael, il capo famiglia, vedovo e con un figlio, Robert, il cui ruolo è di Giuseppe Romeo. Giuseppe Marchei è Alfred, il maggiordomo fidato che lavora per la famiglia da molto tempo. Tania è Bianca, l’amante di Michael ma corteggiata dal fratello Philip, Fabrizio Lobello. Inframmezzando con altri personaggi i quali si intersecano con i protagonisti in modo omogeneo e svagandosi.

Non risulta immediato descrivere le dinamiche accadute sul palco. Ciò che ha reso interessante e veramente divertente la performance è che mentre si beve è difficile trovare la concentrazione giusta e la lucidità necessarie per scandagliare, nella mente, i termini giusti da esprimere tanto da rendere il testo improvvisato concreto, e quindi il discorso fluido.

La conclusione è stata cercata e voluta. Ormai l’assassino si era svelato, e nella confusione e quasi tutti brilli, di certo sul palco le risate valevano di più della recitazione. La scala che scricchiola è stata la prima e ultima replica del film improvvisato.

Abbiamo trovato l’idea gradevole e originale, tutto sta a reggere l’alcool. Ci si scommette su per la prossima volta.

 

- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.