Il Teatro Gobetti di San Mauro Torinese ha inaugurato la nuova stagione teatrale: un cartellone di quattro spettacoli, intitolato “Perle di teatro”, coraggiosamente organizzato dalla direzione artistica di E20inscena che, in base alle attuali disposizioni sanitarie, può ospitare, fino a dicembre, soltanto 65 spettatori in platea.

L’apertura di stagione è stata affidata ad Alberto Barbi, con lo spettacolo “La maglia nera. Malabrocca al Giro d’Italia”.

Luigi Malabrocca, nato nel 1920 a Tortona e cresciuto a Garlasco, ultimo di sette fratelli, sembrava avere un destino già scritto, fin dal giorno della nascita, quando – si racconta – il padre gli abbia sussurrato: “Se continui ad arrivare così in ritardo, nella vita ti toccherà pedalare”.

Negli anni Quaranta due sfide affascinarono i tifosi del ciclismo: la rivalità tra Coppi e Bartali per il primo posto e lo scontro Luigi Malabrocca vs Sante Carollo – costellato di trucchi, improbabili nascondigli e fughe in solitaria al contrario – per  ottenere la maglia nera al Giro d’Italia: Malabrocca riuscì ad aggiudicarsela per due anni consecutivi, nel 1946 e nel 1947.

Soprannominato “il Cinese” per via dei suoi occhi a mandorla, Luisìn, infatti, aveva capito di non poter competere contro i grandi del suo tempo e aveva scelto – con l’appoggio della moglie Ninfa – di lottare per essere l’ultimo, attirandosi così l’affetto della gente comune, ma soprattutto i premi in denaro attribuiti all’ultimo classificato.

Attraverso le cronache del Giro d’Italia riportate sui giornali dell’epoca – spesso firmate da Gianni Brera, il giornalista che ha raccontato il ciclismo italiano – Alberto Barbi, con pochi elementi in scena (un leggio, una valigia, copie di giornali svolazzanti e un paio di biciclette) e la semplicità dell’affabulazione, riesce a imprimere efficace forza evocativa al racconto di un periodo in cui la società italiana è in piena evoluzione; ad accompagnarlo e sostenerlo, le musiche del Trio Lescano (Pippo Non lo sa, Ma le gambe, Bellezza in bicicletta), del Quartetto Cetra (Ciao mama, Passa la prima Milano-Sanremo), la canzone dedicata a Coppi (firmata da Gino Paoli) e le immagini di un’epoca di grande ciclismo che scorrono proiettate su uno schermo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.