Memoria

 

Memoria è un titolo fortemente evocativo, ti riconduce immediatamente ad una delle parentesi più vili, basse e crudeli dell’intera storia dell’umanità, lo sterminio degli ebrei nei campi di concentramento ad opera dei Nazisti. Memoria, primo semifinalista al Fringe Festival di Roma di questa settimana è uno spettacolo di Michelangelo Fetto (drammaturgia e regia) con Rosario Giglio, Antonio Intorcia e Massimo Pagano.

Memoria è la storia di tre uomini, un maresciallo, un orefice e lo scemo del paese deportati  dal sud Italia in un campo di concentramento. L’ironia affannata quasi esasperata, con qualche sfumatura poetica  dei tre protagonisti è l’unica cosa che li mantiene in vita, salva quel barlume di dignità dei tre uomini, dignità strappata dall’ottusità oppressa e violenta del carnefice. Nell’orrore, nella disperazione, nella solitudine, nell’alienazione,nella violenza che lede ogni forma di rispetto, i tre uomini trovano un’unità che li lega, li sostiene, li incatena, un sostegno, una famiglia.

L’arte seppur arrangiata e su commissione per puro divertissement dai nazisti può aiutare i tre uomini a sopravvivere all’orrore e a salvarli da morte certa?

Memoria è un spettacolo che a livello drammaturgico a volte non funziona ma là dove non arriva il testo, arriva l’emozione in bilico tra risata e pianto, tra ironia e paura.

Quello che funziona soprattutto è la bella interpretazione dei tre attori, giusti per fisico e per “faccia” e l’energia dei tre uomini, la  loro straordinaria  e disarmante verità, che con grande umanità e semplicità, con umiltà ma senza modestia trasmettono dal palco  al pubblico del Fringe. La messa in scena è pulita e semplice, come la regia senza fronzoli né pretese. Il finale si può intuire, rimane la testimonianza il ricordo, la memoria appunto, di un orrore che non ha conosciuto e non conosce fine.

 

Una produzione Solot Compagnia Stabile di Benevento
Testo e regia di Michelangelo Fetto
Con Rosario Giglio, Antonio Intorcia e Massimo Pagano

 

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.lanouvellevague.it/home/wp-content/plugins/ultimate-author-box/inc/frontend/uap-shortcode.php on line 119
style=”display:none;”>
Author Details
Abruzzese di nascita, Romano di adozione ,Biologo per scelta, Amante del Teatro per vocazione. La cultura è la vera anima e risorsa di una nazione. Credo fortemente in essa e nella sua potenza, nonostante la sua attuale e imperante decadenza. La penna è la mia unica ed umile arma per difenderla e amarla. Art. 9 Costituzione Italiana La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione.
×
Abruzzese di nascita, Romano di adozione ,Biologo per scelta, Amante del Teatro per vocazione. La cultura è la vera anima e risorsa di una nazione. Credo fortemente in essa e nella sua potenza, nonostante la sua attuale e imperante decadenza. La penna è la mia unica ed umile arma per difenderla e amarla. Art. 9 Costituzione Italiana La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.