Musica dall’Oriente alla IUC di Roma per Musica Pourparler

698

 

Mercoledì 5 dicembre 2912 ore 11.00

Aula Magna – Sapienza Università di Roma – P.le Aldo Moro 5

 

 

Musica pourparler

La musica raccontata dagli interpreti

 

Studenti del Conservatorio“Licinio Refice” di Frosinone

Ars Ludi

Flavio Tanzi percussioni

Silvia Schiavoni voce narrante e cantante

 

Antonio Caggiano percussioni e direttore

 

 

“Orienti vicini e lontani”

 

La Cina e gli strumenti dell’opera di Pechino (brano tradizionale)

Guo Wenjing: Parade per sei gong cinesi (estratti)

Guo Wenjing: Drama per tre percussionisti (estratti)

Guo Wenjing: Elegy per soprano e tre percussionisti

Tan Dun: Water Music (estratti)

John Cage: Solo for voice

Il Giappone e l’arte del Taiku (brano tradizionale)

Steve Reich: Nagoya Marimbas per 2 percussionisti

Il ritmo malfuf  per la danza del ventre (breve lettura da Le mille e una notte)

Giacinto Scelsi: I Canti del Capricorno per voce e percussione

Indonesia ed Oceania: Il galelan balinese, il suono dei gong (musica Kembang tradizionale)

John Cage: Double Music per quattro percussionisti

 

Testi di Marco Polo, Giacomo Leopardi, Guido Gozzano, Ezra Pound, Ryszard Kapuscinski, Matteo Ricci

 

Le diverse tradizioni musicali asiatiche,

cinesi, giapponesi, arabe e indonesiane,

e i loro riflessi nella musica contemporanea occidentale di Cage, Reich e Scelsi: ci accompagnano in questa affascinante esperienza grandi viaggiatori

come Marco Polo e Kapuscinski.

Con la voce di Silvia Schiavoni e tanti percussionisti,

sotto la direzione di Antonio Caggiano.

 

 

“Orienti vicini e lontani” invita a un viaggio nelle diverse tradizioni musicali asiatiche in compagnia dello straordinario ensemble di percussioni Ars Ludi, di un gruppo di studenti del Conservatorio di Frosinone, dell’attrice e cantante Silvia Schiavoni e del percussionista Flavio Tanzi, con la direzione di Antonio Caggiano, altro fantastico percussionista.

 Si ascolteranno le musiche tradizionali dell’Opera di Pechino, i tamburi taiku del Giappone, il ritmo malfuf usato nei paesi arabi per la danza del ventre e il gamelan dell’isola di Bali.

A queste musiche di antichissime origini si alterneranno le musiche di compositori contemporanei cinesi come Guo Wenjing e Tan Dun e di compositori occidentali influenzati dall’oriente come John Cage, Steve Reich e Giacinto Scelsi.

In questo viaggio attraverso tradizioni musicali che suonano ancora esotiche e lontane alle nostre orecchie saremo guidati da grandi viaggiatori, dal mitico Marco Polo fino al grande scrittore di viaggi contemporaneo Ryszard Kapuscinski, ma anche da Giacomo Leopardi, che in realtà non si allontanò mai dall’Italia.

Tutto questo mercoledì 5 dicembre alle ore 11.00, all’Aula Magna della Sapienza, per il terzo e ultimo appuntamento di “Musica pour parler, la musica raccontata dagli interpreti”, la fortunata serie di appuntamenti organizzata dalla IUC e rivolta a tutti ma in particolare agli studenti. In questi incontri i musicisti non si limitano a suonare ma colloquiano con il pubblico, spiegando e commentando in modo assolutamente informale gli strumenti e le musiche in programma. Il pubblico è così coinvolto in uno stimolante dialogo, che va oltre la musica e si allarga anche agli aspetti letterari, sociali e geografici collegati ai brani eseguiti.

 

Il concerto rientra nella rassegna “Sapienza in Musica”

realizzata con il sostegno dell’Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione di Roma Capitale

 

BIGLIETTI:  Interi: 4 euro

                       Scuole: 3 euro

 

INFO per il pubblico:         tel. 06 3610051   

                       www.concertiiuc.it

botteghino@istituzioneuniversitariadeiconcerti.it

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.