My Life di Isadora Duncan

2993

Il mito leggendario e scandalistico che si è addensato per decenni attorno alla figura di Isadora Duncan, ha offuscato la realtà storica della sua biografia quanto la portata artistica e culturale della sua straordinaria opera.

Isidora DuncanÈ dunque possibile, oggi, leggere con spirito diverso questo articolato e illuminante volume (Castelvecchi editore, 334 pagine) lasciando parlare l’immensa danzatrice e ascoltandola con la massima apertura per scoprire le mille sfaccettature di una personalità incredibilmente volitiva e senza remore, ma anche fragile, vittima della propria impulsività.

- Advertisement -

“Le autobiografie della maggior parte delle donne celebri sono una serie di narrazioni sulla loro esistenza esteriore, piene di particolari e di aneddoti futili. Sui grandi momenti di gioia o di angoscia, esse serbano uno strano silenzio. La mia arte invece è precisamente uno sforzo per esprimere, con gesti e movimenti, la verità quale io la sento”.

Così scrive Isadora Duncan nelle prima pagine di questo libro, pubblicato nel 1927, quasi contemporaneamente alla tragica e spettacolare morte dell’autrice.

“My Life” è l’autoritratto eccessivo – e dunque paradossalmente fedele – di una donna libera e visionaria, che non ha solo cambiato la storia della danza, ma esteso il proprio influsso sul mutamento delle arti nel primo Novecento, seducendo le menti e i cuori di personaggi come Rodin, d’Annunzio, Stanislavskij, Gordon Craig, Eleonora Duse.

Bambina che supera gli ostacoli di un’infanzia poverissima e artista che sconvolge i teatri d’Europa, seduttrice naturale e madre non sposata, aristocratica e comunista: per Isadora Duncan lo scardinamento delle convenzioni sociali, insieme a quelle estetiche, è stata una vocazione.

Dora Angela Duncan, in arte Isadora Duncan, nata a San Francisco nel 1877 e deceduta a Nizza nel 1927, operò una rottura radicale con le convenzioni del balletto classico, aprendo la strada alla danza moderna.

Dopo l’infanzia a San Francisco, segnata dalle ristrettezze economiche, la sua vita intensa e tormentata si svolse soprattutto in Europa, tra grandi successi artistici, avventure amorose e tragedie private, tra cui la morte prematura dei due figli.

Donna emancipata e dalle intense passioni anche politiche, amata da molti artisti e intellettuali del suo tempo, scrisse numerosi libri, accompagnando l’attività performativa con quella didattica e teorica.

Castelvecchi

Il marchio editoriale Castelvecchi è stato fondato nel 1993 sull’onda di internet, dei cibernauti e della nuova ondata giovanile. Nel 1995 lancia l’esordio dei più noti “cannibali”: Aldo Nove con “Woobinda” e Isabella Santacroce con “Fluo”.

Nello stesso anno esplode il fenomeno Luther Blisset con la pubblicazione di “Mind Invaders” che si trasformerà poi nel collettivo Wu Ming. Altro libro d’esordio castelvecchiano è “Istruzioni per l’uso del lupo”, del critico e scrittore allora ventottenne Emanuele Trevi.

Alla fine degli anni Novanta la casa editrice intensifica la produzione dedicata a pittori, artisti e critici; un nome per tutti, Gillo Dorfles, di cui vengono ripubblicati i titoli più importanti curati da Massimo Carboni, autore a sua volta di Castelvecchi. Oggi la casa editrice pubblica circa settanta titoli l’anno.

Il catalogo comprende romanzi storici, classici del Novecento, narrativa contemporanea e saggistica. Accanto alla saggistica tradizionale si è da poco inaugurata la collana “Etcetera”, saggi brevi con una forte impronta divulgativa sui grandi temi della contemporaneità e infine, ma non ultima, Castelvecchi Rx, la collana di intervento politico, economico e di denuncia. Il marchio Castelvecchi è oggi parte di “Lit Edizioni”.

Nelle pagine di questo straordinario volume ritroviamo tutta l’avventura di Isadora Duncan, raccontata con esuberanza quasi violenta a testimonianza di un’epoca cruciale quanto la storia di un’inquieta ricerca dell’assoluto.

 

- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.