Ha debuttato al Teatro Nuovo di Torino Otello, l’ultimo bacio, il nuovo spettacolo fortemente voluto dagli autori – Fabrizio Voghera (musiche e liriche) e Francesco Antimiani (testo e liriche), che ripercorre in chiave moderna – andando oltre un’impostazione puramente lirica – il popolare dramma shakespeariano.

Ambientato in un’epoca moderna, benché non precisamente definita, lo spettacolo può contare su un imponente impianto scenografico, ideato da Fabrizio Voghera e realizzato in collaborazione con l’Accademia delle Belle Arti di Torino.

L’impatto visivo della struttura scenica nel suo complesso è talmente efficace  da sembrare di trovarsi a bordo del Titanic; tuttavia, l’utilizzo di videoproiezioni statiche – riprodotte su fondale, senza alcuna funzione narrativa – non rende giustizia alla rappresentazione né di una Venezia industriale, né di una Cipro marittima.

I costumi sono realizzati in stile militare per i personaggi maschili, mentre i ruoli femminili e il corpo di ballo vestono ispirandosi allo street style.

Il cast è interamente formato da interpreti che hanno già condiviso il palco, partecipando a spettacoli con le musiche firmate da Riccardo Cocciante (Notre Dame de Paris, Giulietta e Romeo); tale influenza risulta evidente nella drammaturgia musicale di questo Otello, con echi neanche troppo velati, riconducibili a brani come Zingara, La cavalcatura, Mio Febo, Vivere per amare

A livello drammaturgico

A livello drammaturgico, lo spettacolo funziona, anche se si nota un certo disequilibrio tra la durata dei due atti e l’approfondimento di vicenda e personaggi: durante i primi 50 minuti, si scava a fondo nell’esistenza e nella psicologia di ciascun personaggio; nell’ora successiva, importanti snodi nella trama vengono sorvolati, quasi senza essere spiegati.

Tale impostazione produce i suoi effetti anche sui personaggi: il ruolo di Otello sembra scritto per non emergere e diventa un autogol a discapito dell’autore/protagonista Fabrizio Voghera, che mette comunque tutta la sua esperienza professionale al servizio di un’interpretazione struggente e fuori dagli schemi.

Mattatore e autentico deus ex machina della vicenda risulta, però, Francesco Antimiani, nel ruolo di Iago, che caratterizza il proprio personaggio, sviscerando le numerose sfaccettature offerte da sentimenti quali invidia e vendetta.

Un’interpretazione che lascia il segno già a partire dalla propria I am song (Io non sono quel che sono) e si sviluppa gradualmente, specie nelle scene condivise con la vocalità graffiante e disperata di Andrea Manganotto, altra rivelazione nel ruolo di Rodrigo.

Luca Marconi veste i panni di Michele Cassio, fedele luogotenente di Otello.

Il ruolo della donna viene rivalutato in quest’opera rivoluzionaria: Alessandra Ferrari interpreta una Desdemona giovane, ma determinata, che sa farsi ascoltare e offre al pubblico momenti di intensa emozione; Claudia Paganelli/Emilia sa riconoscere i propri sbagli e trova così la forza di tenere testa al manipolatore Iago, suo marito.

Lalo Cibelli è un Brabantio dalla vocalità baritonale impressionante, ma tende all’eccesso, per cui, la sua performance, nonostante l’incisiva espressività, non risulta particolarmente entusiasmante.

Completa il cast Alessandro Cavara, nel doppio ruolo di Montano/Doge.

La regia di Wayne Fowkes compensa i difetti già descritti a livello drammaturgico. Il regista ha montato anche le coreografie dello spettacolo, con la collaborazione di Tony Lofaro: il corpo di ballo – pur risultando spesso  penalizzato da un disegno luci esageratamente intimistico e privo di efficacia – conquista un meritato momento di gloria nella scena d’apertura del secondo atto, un company number stilisticamente disinvolto, divertente e significativo.

Otello, l’ultimo bacio è, nel complesso, una produzione meritevole, alla quale va concesso il beneficio di poter crescere nel tempo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.