Che quelli di Maurizio Battista sono spettacoli comici e divertenti è cosa risaputa, e che lui sia padrone del palcoscenico anche.

Un ridere continuo che non trova limiti nell’inizio e nella fine dello spettacolo, ma proprio in quel ridere giocondo si nasconde la nostalgia del tempo passato in una riflessione amara sulla modernità.

Un evoluzione dei tempi e della mentalità, più all’avanguardia nei mezzi che non di pensiero, ripercorsi attraverso un alfabeto virtuale che riporta in maniera ordinata le stranezze della società vissute nel disincanto e nell’illusione del moderno e del tecnologico. E così, si riscoprono che le abitudini e gusti alimentari innovativi e sofisticati con denominazioni ad effetto, non sono altro che i piatti tradizionali dei nostri nonni, i quali, per dirla con la battuta di Battista, non avevano il piatto fondo o il piatto piano, ma il piatto pieno.

Un confronto tra generazioni e rimpianti del passato accompagnati dai tanti oggetti sparsi alla rinfusa sul palco, dal telefono con la rotella al mangianastri, alla cerbottana. Un susseguirsi continuo e senza sosta tra gli aneddoti custoditi con gelosia in una cassaforte di scena e i racconti di quelli che erano i divertimenti di un tempo, genuini e semplici ma fatti con ingegno, motivo di rimpianto per molti e accolti con meraviglia dal pubblico più giovane, conoscitore esperto del mondo network e poco social.

Tre ore di spettacolo in cui Battista racconta nel suo “Oggi non è giornata” vizi e difetti senza un copione fisso, lasciando a briglie sciolte improvvisazione e creatività, dove il pubblico non è solo spettatore ma costruisce insieme all’attore lo spettacolo, in uno scambio di idee e di battute, pronto al gioco e allo scherzo. Un palco su cui tutti possono salire, dai semplici spettatori ai volti più noti tra cui Amedeo Minghi, e Angela Baldassini, moglie di Gino Bramieri  su cui cala un velo di nostalgia e il ricordo nei confronti di un attore che per trentacinque anni ha calcato il palco del Sistina.

La comicità di Battista è un ridere di se stessi, del fugace e del superficiale, della comicità e della creatività del romano e della sua economia del linguaggio. È ridere degli strafalcioni frutto della disattenzione o di una mancanza culturale. Senza far mancare nella parte conclusiva i cavalli di battaglia richiesti a gran voce dal pubblico.

E se i spettacoli meno riusciti in genere vengono considerati fatti con i piedi, c’è chi con i piedi fa dei spettacoli straordinari. Eccezionale infatti è il siparietto di Monsieur David artista di strada che si è esibito in una scena d’amore struggente interpretata con i piedi.

“Oggi non è giornata” è il titolo dello spettacolo scritto da Maurizio Battista e Riccardo Graziosi ma per andare a vederlo tutti i giorni sono buoni! con repliche fino al 17 marzo al Teatro Sistina di Roma.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.