Teatro alla Scala con Amici della Scala

“Prima delle Prime – Balletto”

Stagione 2013/2014

ROMEO E GIULIETTA

Di Kenneth MacMillan

 

 

RIDOTTO DEI PALCHI “A. TOSCANINI”

MERCOLEDI 8 OTTOBRE 2014, ORE 17

 

Giannandrea Poesio

Amore e Morte – Tradizione e Innovazione:

Shakespeare secondo MacMillan

 

A quattro anni dalle ultime rappresentazioni scaligere e dopo la tournée a Tokyo del settembre 2013, Romeo e Giulietta di Kenneth MacMillan torna in scena alla Scala dal 10 al 23 ottobre, nell’allestimento creato nel 2010 da Mauro Carosi e Odette Nicoletti: dodici recite, alcune delle quali vedranno protagonisti le étoiles maschili del Teatro alla Scala, Roberto Bolle e Massimo Murru, e importanti guest.

La genesi del Romeo e Giulietta di Kenneth MacMillan fu difficile e tormentata – come spesso avviene per i grandi capolavori. Oltre a problemi artistico/politici, relativi a delicati rapporti fra il Royal Ballet di Londra, il Kirov di Leningrado e il Bolshoi di Mosca, una delle questioni più dibattute fu la scelta del coreografo. Artista introverso e ribelle, MacMillan non era ben visto dai tradizionalisti, che trovavano inaccettabile il  suo modo di usare il vocabolario classico per ritrarre realtà difficili e non sempre consone a quella datata estetica ballettistica che MacMillan stesso, ed altri, cercavano di sradicare. La scelta di MacMillan, tuttavia, rifletteva il bisogno di rivisitare Shakespeare che animava le intenzioni di registi e attori d’avanguardia alla metà degli Anni Sessanta. Non a caso, la lettura sanguigna e moderna che sta alla base della coreografia di MacMillan venne ispirata dalla messa in scena violenta e  de-romanticizzata del dramma all’Old Vic di Londra, a cura di Franco Zeffirelli nella stagione 1960/61.

Nel corso dell’incontro, con l’ausilio di documenti video, Giannandrea Poesio  analizzerà gli aspetti chiave e i parametri critici che caratterizzano la traduzione coreografica di MacMillan del celebre testo shakespeariano, nel contesto storico della genesi del balletto stesso.

Reader in Dance e Direttore del Research Institute for Media, Arts and Performance alla University of Bedfordshire, Giannandrea Poesio è storico e critico di danza dal 1981 e ha collaborato per vari giornali italiani. Vive e lavora in Inghilterra, dove, nel 1993, ha conseguito un PhD in Dance History e dove, per venti anni è stato critico di danza del settimanale “The Spectator”. Numerose sono state le sue partecipazioni e consulenze storiche per la ricostruzione di coreografie del passato, le ricerche sulle origini della mimica da balletto e sulla storia della danza teatrale degli ultimi tre secoli, pubblicate in Italia, Inghilterra, Germania, Francia, Stati Uniti, Messico, Australia e Giappone. La più recente è l’analisi critica dei carteggi inediti di Enrico Cecchetti, pubblicata in Italia  nel 2010.

 

 

 

Ingresso libero fino ad esaurimento posti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.