Tra i semifinalisti del 14 giugno al Roma Fringe Festival, Petimus Rogamus,  commedia che alterna al gusto grottesco e all’utilizzo della lingua grammelot, la ricerca dell’espressività fisica.

Un ritmo serrato nei dialoghi tra personaggi, racconta un mondo perfetto dal gusto anni ’50, nel quale non esiste spazio per  personalità e pensiero.

Un mondo di plastica governato dalla papessa nana, regolatrice di tempo ed emozioni che condiziona ogni aspetto della vita dei due protagonisti; parodia ben riuscita di Barbie e Ken.

Ad inceppare l’ingranaggio della giostra la voce dell’Uomo Solo che racconta l’inganno dell’amore, ma che svela anche tutta la solitudine di cui è vittima.

Accattivante quindi la domanda che ci si pone: rimanere nel mondo perfetto o no?

Di Marco Bilanzone, Regia: Lorenzo Montani

Con: Carlotta Piratino, Daniel Plat, Mersia Valente, Diego Valentino Venditti.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.