Premio Hystrio: i vincitori della XXIV edizione

678

I vincitori della 24^ edizione del Premio Hystrio

sabato 21 giugno al Teatro Elfo Puccini di Milano:

Elio De Capitani, Valerio Binasco, Michele Santeramo,

Gigi Saccomandi, Jo Strømgren Kompani, Marta e Diego Dalla Via, Mario Perrotta

 

il Premio Hystrio alla Vocazione2014 raddoppia: 205 gli aspiranti attori iscritti alle selezioni contro i 108 dello scorso anno

in crescita anche il Premio Hystrio-Scritture di Scena con un 38% di copioni in più rispetto al 2013

 

 

Sabato 21 giugno al Teatro Elfo Puccini di Milano si terrà la serata finale del Premio Hystrio 2014, giunto alla sua 24^ edizione. Accanto ai nomi noti della scena come di consueto si affiancheranno i giovani talenti del Premio Hystrio alla Vocazione e del Premio Hystrio-Scritture di Scena che quest’anno fanno registrare una partecipazione da record: 205 aspiranti attori (contro i 108 dello scorso anno) e 79 copioni teatrali (contro i 57 del 2013). Ma il grande fermento che coinvolge il Premio non finisce qui: al palmarès deciso dai critici della rivista teatrale Hystrio (interpretazione, regia, drammaturgia, altre muse-professioni dello spettacolo ecc.), quest’anno si aggiunge anche l’opinione degli spettatori, ossia il Premio Hystrio Twister per il miglior spettacolo della stagione, assegnato a Mario Perrotta per Un Bés. In questa prima edizione, oltre 2.000 persone hanno infatti espresso online le proprie preferenze a partire da una rosa di dieci titoli indicati dalla rivista Hystrio, poi ristretti a una terna da un primo turno di votazioni e infine al vincitore a conclusione del secondo turno di votazioni.

Il Premio si articola nel corso di tre giornate, 19, 20 e 21 giugno secondo il seguente programma:

 

giovedì 19 giugno

ore 10-18 – Finale delle selezioni del Premio Hystrio alla Vocazione aperte al pubblico. Audizioni degli aspiranti attori che hanno superato le pre-selezioni.

ore 21 – Lettura scenica di “Supernova”, di Erika Z. Galli e Martina Ruggeri, testo vincitore del Premio Hystrio-Scritture di Scena, regia di Sabrina Sinatti.

venerdì 20 giugno

ore 10-18 – Finale delle selezioni del Premio Hystrio alla Vocazione aperte al pubblico. Audizioni degli aspiranti attori che hanno superato le pre-selezioni.

ore 21 – “Storia d’amore e di calcio”, di Michele Santeramo, anche interprete con Vittorio Continelli.

sabato 21 giugno

ore 10-13 – Finale delle selezioni del Premio Hystrio alla Vocazione. Audizioni di aspiranti attori che hanno superato le pre-selezioni.

ore 15 – Comunicazioni della Giuria sui vincitori del Premio Hystrio alla Vocazione.

ore 21 – Serata-spettacolo delle premiazioni, presenta Veronica Cruciani. Segue brindisi.

Ecco tutti i premi assegnati per l’edizione 2014:

Premio Hystrio all’interpretazione: Elio De Capitani

Premio Hystrio alla regia: Valerio Binasco

Premio Hystrio alla drammaturgia: Michele Santeramo

Premio Hystrio-Altre Muse: Gigi Saccomandi

Premio Hystrio-Castel dei Mondi: Fratelli Dalla Via

Premio Hystrio-Teatro a Corte: Jo Strømgren Kompani

Premio-Hystrio-Provincia di Milano: IT Festival e Compagnia Teatrale FavolaFolle

Premio Hystrio-Twister: Un bès – Antonio Ligabue, di e con Mario Perrotta

Premio Hystrio-Scritture di Scena: “Supernova” di Erika Z. Galli e Martina Ruggeri

Premio Hystrio all’interpretazione: Elio De Capitani

Ha legato il suo nome al Teatro dell’Elfo entrandone a far parte non ancora ventenne nel 1973. Attore in molti spettacoli del giovane Salvatores, passa alla regia nel 1982. Nonostante molti lo ricordino nei panni del “Caimano” del film di Nanni Moretti, la sua patria è il teatro: dal 1992 è con Ferdinando Bruni direttore artistico di Teatridithalia e dal 2010 della nuova sede del Teatro Elfo Puccini. In 26 anni ha firmato più di trenta regie e le sue interpretazioni personali hanno riscosso sempre grande plauso di critica e di pubblico, fino alle prove più recenti, come il professor Hector in “The History boys” di Alan Bennett,Roy M. Cohn in “Angels in America” di Tony Kushner, che gli vale il Premio Ubu come miglior attore non protagonista, Richard Nixon in “Frost/Nixon” di Peter Morgan e Willy Loman in “Morte di un commesso viaggiatore” di Arthur Miller.

Premio Hystrio alla regia: Valerio Binasco

Nel1988si diploma presso la Scuola di recitazione del Teatro Stabile diGenova e lavora come attore per il teatro e per il cinema. Grazie alla collaborazione con Carlo Cecchi in qualità di assistente alla regia per “Nunzio” di Spiro Scimone, si avvicina alla regia e dirige di lì a poco “Bar” sempre di Scimone. Per il Teatro di Genova mette in scena “La bella regina di Leenane” di Martin Mcdonagh e, nell’anno successivo, “Natalia” , di Danilo Macrì. Per il Teatro stabile di Firenze è regista di “Tradimenti” di H. Pinter, (spettacolo che riceve il Premio città di Napoli ). Tra le altre sue regie si ricordano: “Il gabbiano” di A. Checov, la versione teatrale di “Festen” (a cura di Edoardo Erba) e di “Cara professoressa” di Ludmilla Razumovskaja. In seguito ha firmato, tra le altre, le regie de “Il dio di Roserio” di Giovanni Testori, “Il cortile” di Spiro Scimone, “La chiusa” di Conor Mc Pherson, “Noccioline” di Fausto Paravidino, “L’intervista” di Natalia Ginzburg”, gli shakespeariani “Romeo e Giulietta”, “La tempesta” e “Il mercante di Venezia”, “La fondazione” di Raffaello Baldini e “Il visitatore” di Eric-Emmanuel Schmitt.

Premio Hystrio alla drammaturgia: Michele Santeramo

Nel 2001 con Michele Sinisi fonda la compagnia Teatro Minimo per la quale è autore e regista di ”Accadueò”, vincitore del premio Voci dell’Anima 2004, “Vico Angelo custode”, “Murgia”, spettacolo Generazione Scenario 2003 e “Konfine” con il quale vince la selezione Enzimi 2003. Sempre per Teatro Minimo nel 2008 scrive “Il Cattivo” e nel 2009 “Sequestro all’italiana”, finalista al Premio Riccione per il Teatro 2009, che poi vincerà nel 2013 con “Il guaritore”. Del 2010 è il testo “Le Scarpe” prodotto da Teatro Minimo e Fondazione Pontedera Teatro, in coproduzione con Teatri Abitati, Festival Castel dei Mondi, Comune di Andria. E’ autore di testi teatrali messi in scena da diverse compagnie in ambito nazionale, (tra gli altri “Il Barone dei Porci”, “Radio Bunker”, “Konfine”, “L’ultima pietra”) e del romanzo “La rivincita” pubblicato da Baldini e Castoldi nel 2014.

Premio Hystrio-Altre Muse: Gigi Saccomandi

Dopo la laurea con lode in discipline dello spettacolo all’Università di Bologna inizia a lavorare in teatro nel 1980 e da allora nella sua carriera nella lirica e nella prosa ha firmato le luci di più di 300 spettacoli. Ha collaborato con i maggiori registi teatrali, tra cui Luca De Fusco , Massimo Castri, Nanni Garella , Cesare Lievi, Arold Pinter e Luca Ronconi, e ha lavorato nei più importanti Teatri Italiani ed Europei tra cui Teatro Alla Scala, Opera di Zurigo, Metropolitan di New York, San Carlo Napoli, Festival di Salisburgo, Burghtheater e Staatsoper di Vienna, Schaubuhne Berlino, Thalia Teater di Amburgo. Ha ricevuto il premio dell’Associazione Nazionale Critici di Teatro nell’ anno 2006 e il premio UBU nell’anno 2008.

Premio Hystrio-Castel dei Mondi: Fratelli Dalla Via

Sono una piccola impresa famigliare che costruisce storie. Marta e Diego, dopo aver sviluppato parallelamente una serie di esperienze formative, professionali e umane, decidono di unire la propria voce in un percorso artistico comune, che riserva uno sguardo particolare a temi quali stereotipi e territorio, fragilità umana ed economica. La loro prima scrittura per la scena è “Piccolo Mondo Alpino” progetto vincitore del Premio Kantor 2010 e poi spettacolo prodotto dal CRT di Milano, vincitore del premio speciale della giuria nel concorso drammaturgico CTAS Oltrelaparola nel 2011 e allestito in versione francese dal Théâtre de l’Opsis a Montreal sempre con la regia di Marta Dalla Via. La seconda prova drammaturgica è “Mio figlio era come un padre per me”, vincitore del Premio Scenario 2013, poi rappresentato in oltre 30 città italiane.

Premio Hystrio-Teatro a Corte: Jo Strømgren Kompani

Fondata nel 1998 è diventata ormai una delle più conosciute e apprezzate compagnie della penisola scandinava e a livello internazionale. Il repertorio vanta più di 20 spettacoli presentati in 50 diverse nazioni. Gli spettacoli di Strømgren sono un micro osservatorio della vita quotidiana da punti di vista differenti: dell’arte, dello sport, degli ambienti in cui viviamo e intrecciano il linguaggio coreografico con quello del teatro di figura, realizzando produzioni molto differenti tra di loro, da “The Painter” e “The Writer” (presentati entrambi al Teatro Verdi di Milano) co-prodotti con Ulrike Quade, Nordland Visual Theatre, in cui domina l’impronta del teatro di figura, a “A dance tribute to the art of football” (in scena a Teatro a Corte il 2 agosto) e “A dance tribute to ping pong” in cui emerge tutta l’energia della danza.

 

Premio-Hystrio-Provincia di Milano: IT Festival e Compagnia Teatrale FavolaFolle

IT festival, nato nel 2013, rappresenta l’urgenza di dare visibilità all’underground teatrale milanese attraverso una “mostra di teatro” indipendente e autoprodotta in cui ogni realtà può raccontarsi in scena. IT Festival 2014, nell’arco di tre giorni alla Fabbrica del Vapore ha ospitato oltre 500 artisti, 114 compagnie in 8 diversi palcoscenici con 231 repliche di spettacoli coinvolgendo più di 4.000 spettatori. Un vero successo realizzato grazie alla collaborazione di 450 artisti, organizzatori e tecnici impegnati in una grande opera d’arte collettiva, a cura dell’Associazione IT – Independent Theater.

La Compagnia Teatrale FavolaFolle nasce nel 2006 e concentra il proprio lavoro sulle forme di ricerca e sperimentazione per approfondire il rapporto tra i principali linguaggi dello spettacolo dal vivo. Oltre alla produzione di spettacoli, l’attività della compagnia comprende la formazione teatrale attraverso corsi e laboratori per ragazzi e adulti e la promozione del teatro attraverso eventi culturali e festival tra cui “FollinFestival”, festival della Commedia di Gaggiano realizzato dal 2012, anno in cui la compagnia inizia a curare anche la stagione teatrale dell’Auditorium di Gaggiano.

Premio Hystrio-Twister: Un bès – Antonio Ligabue, di e con Mario Perrotta

“Un bès” è il primo capitolo della trilogia che Mario Perrotta, attore e regista leccese impegnato in percorsi teatrali che hanno al centro la parola e la narrazione “Italiani cincali!”, “La turnata”, “Odissea” e la “Trilogia sull’individuo sociale”), dedica ad Antonio Ligabue. Lo spettacolo vale a Perrotta nel 2013 il Premio Ubu come miglior attore protagonista e il pubblico del Premio Hystrio ha confermato la qualità di questo lavoro attribuendogli la vittoria della nuova categoria “Twister” per il miglior spettacolo della stagione. Lo sguardo di Perrotta si è concentrato innanzitutto sull’uomo Ligabue, come egli stesso scrive: “questo m’interessa oggi di Antonio Ligabue: la sua solitudine, il suo stare al margine, anzi, oltre il margine – oltre il confine – là dove un bacio è un sogno, un’implorare senza risposte che dura da tutta una vita”. Lo spettacolo sarà la prossima stagione al Teatro Elfo Puccini di Milano (1-7 dicembre 2014), mentre il secondo capitolo della trilogia su Ligabue, “Pitùr”, sarà ospite del cartellone del festival milanese Da vicino nessuno è normale nei giorni 24 e 25 giugno 2014.

 

 

Premio Hystrio-Scritture di Scena:

La giuria del Premio Hystrio-Scritture di Scena – formata da Fausto Paravidino (presidente), Fabrizio Caleffi, Claudia Cannella, Renato Gabrielli, Roberto Rizzente e Diego Vincenti – dopo lunga e meditata analisi e discussione, ha deciso, all’interno di una rosa di cinque finalisti (“Aritmia” di Carlotta Corradi, “Hugo-Burla veronese” di Margherita Monga, “Natura morta con attori” di Fabrizio Sinisi, “Supernova” di Erika Z. Galli e Martina Ruggeri e “La vergogna di Orestia” di Tiziana Tomasulo), di assegnare il Premio a: “Supernova” di Erika Z. Galli e Martina Ruggeri e di segnalare “Hugo – Burla veronese” di Margherita Monga.

 

Breve storia del Premio Hystrio

Accanto ai riconoscimenti per i giovani attori e drammaturghi (Premio Hystrio alla Vocazione e Premio Hystrio-Scritture di Scena), il Premio Hystrio nel corso della sua storia ha premiato sempre anche artisti già affermati della scena italiana nelle categorie attore/attrice, regista, drammaturgo, altre muse/professioni dello spettacolo, Premio Hystrio-Provincia di Milano per una realtà operante sul territorio e, in gemellaggio con gli omonimi festival, Premio Hystrio-Teatro a Corte dedicato ai linguaggi del corpo e Premio Hystrio-Castel dei Mondi destinato a una giovane compagnia emergente. Tra i premiati delle passate edizioni: Antonio Albanese, Maria Laura Baccarini, Giuseppe Battiston, César Brie, Ferdinando Bruni, Ascanio Celestini, Arturo Cirillo, Paola Cortellesi, Maddalena Crippa, Laura Curino, Mimmo Cuticchio, Emma Dante, Davide Enia, Alessandro Gassman e Gianmarco Tognazzi, Fabrizio Gifuni, Saverio La Ruina, Antonio Latella, Laura Marinoni, Marco Martinelli, Valerio Mastandrea, Lucilla Morlacchi, Duda Paiva, Fausto Paravidino, Cristina Pezzoli, Antonio Rezza/Flavia Mastrella, Paolo Rossi, Kim Rossi Stuart, Toni Servillo, Spiro Scimone e Filippo Timi.

Per informazioni: www.hystrio.it – redazione di Hystrio-trimestrale di teatro e spettacolo

tel. 02.400.73.256, fax 02.45.40.94.83, segreteria@hystrio.it

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.