Sei a corto di idee? scopri la cattiveria quanto fa ridere! E’ il tema della seconda edizione del Premio Millelire indetto dall’Associazione Culturale Millelire, con il patrocinio di Roma Capitale Municipio I, con i media partner La Nouvelle Vague Magazine, Madrearte Teatro, Kirolandiache istituisce la seconda edizione del Premio Millelire che si terrà al Teatro Millelire dal 13 al 18 gennaio 2015, da quest’anno intitolato al Regista/Attore/Drammaturgo Lorenzo De Feo.

L’obiettivo di questa iniziativa è quello di offrire uno spazio dove esporre i propri lavori, favorendo la diffusione e il confronto tra i nuovi soggetti del Teatro Italiano. La selezione delle opere pervenute si baserà secondo i seguenti criteri: – originalità; – qualità dell’opera.

Il Tema della Rassegna è: “La Cattiveria: quanto fa ridere!”. Un mondo senza cattiveria sarebbe talmente noioso che nemmeno il più agguerrito idealista vorrebbe viverci, perché non gli resterebbe nessun nobile ideale per cui battersi. (Roland Jaccard)

Quante volte ci siamo ritrovati a sorridere davanti ad una caduta, ad un tiro beffardo o ad un pettegolezzo. La cattiveria è il sale della vita. La cattiveria intesa come stimolo alla crescita, competizione non sempre eticamente corretta, desiderio di prevaricazione, il tutto accompagnato da cinica ironia. Un trionfo di humour nero e splendida malvagità.

Alla rassegna parteciperanno tre giurie: · La Giuria di Qualità, che si alternerà per le sei serate, avrà un peso del 50% e sarà così composta: Fabio Grossi (Regista e Drammaturgo) in qualità di Presidente della Giuria; Fioretta Mari (Attrice); Lydia Biondi (Attrice); Mirella Mazzeranghi (Attrice); Lauro Versari (Autore/Regista); Enrico Maria Lamanna (Regista); Renato Campese (Attore); Bea Boscardi (Organizzatrice Teatrale); Maria Pia Fiacchini (Direttrice dell’Associazione Culturale Fonòpoli); Francesca Epifani (Direttore Artistico del Teatro Kopó); Maria Cristina Fioretti (Attrice); Sonia De Meo (Attrice); Lucia Marchi (Direttore di Biblioteca, Coordinatore del Servizio per il Diritto d’Autore presso il MIBAC); Gennaro Momo (Attore); Gianni Quinto (Autore/Attore/Regista); Giulia Bornacin (Attrice); Michele Albini (Attore); Antonio Diana (Attore/Regista); Junia Tomasetta (Responsabile Artistico e Direttrice Organizzativa dell’Associazione Millelire); Antonio Lupi (Presidente e Direttore Artistico dell’Associazione Millelire) e altri in via di definizione. · La Giuria Critica, che si alternerà per le sei serate, avrà un peso del 30%. Sarà composta da giornalisti accreditati come di seguito specificato: Donatella Codonesu (Repubblica); Franco Vivono; Natalia Di Stefano (Corriere della Sera); Raffaella Ceres; Mena Carrelli; Annalisa Civitelli; Valerio Di Tella; e altri in via di definizione. · La Giuria Popolare, alla quale parteciperà il pubblico presente in sala avrà un peso del 20%; La Rassegna prevede l’attribuzione di cinque premi – Miglior Corto; Miglior Interprete; Miglior Regia; Premio della Critica, Miglior Drammaturgia – conferiti dalle tre giurie.

Alla compagnia vincitrice del Miglior Corto sarà offerto una settimana di programmazione, per uno spettacolo della durata non inferiore ai sessanta minuti, dal 5 al 10 maggio 2015 con ripartizione degli incassi a percentuale (70% alla Compagnia e 30% al Teatro).

Alla rassegna parteciperanno 15 Corti Teatrali, selezionati tra quelli pervenuti, che si esibiranno dal martedì al sabato (tre per ogni serata). Tutto l’incasso delle serate, compresa la finale, verrà ripartito tra le Compagnie in scena.

I migliori tre, tra i 15 corti, saranno presenti alla serata finale di domenica 19 gennaio 2015 dalla quale sarà decretato il Miglior Corto Teatrale. Tra tutti i 15 saranno attribuiti i restanti quattro premi.

 

scarica qui il bando

scarica qui la scheda di iscrizione

tutte le altre info su www.millelire.org

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.