Una compagnia particolare, In Turno H24, che nasce nei reparti degli Ospedali Riuniti di Ancona si presenta al Premio Millelire con un corto dal titolo Quella strana bottega, scritto da Vincenzo Bordonaro e diretto da Rita Papa.

E per essere strana è strana la bottega davvero perché è specializzata in articoli per suicidio.

I coniugi che la dirigono (Rita Papa e Marco Alessandroni) ricevono la visita di una donna (Barbara Cinti) e del suo autista (Francesco Longo), questi molto recalcitrante ad entrare nel negozio.

La giovane donna vuole farla finita con la sua vita e sta cercando il modo migliore per andarsene, le vengono quindi prospettati vari articoli fino alla fatidica boccetta di veleno.

Ma proprio quando la signora esce con l’agognata merce, ecco il colpo si scena finale che svela l’inganno di cui sono stati vittime i due ignari commercianti.

 

 

 

  • Articoli
Chi sono
Racchiude in sé mille passioni legate a tutto ciò che l’uomo produce, inventa e ricrea; è quello che si può definire un “animale sociale”. Fotografo raffinato, con la sua inseparabile macchina fotografica, congela gli istanti per estrapolarli dalla realtà e condurli in una dimensione altra, sublime. Il suo motto è “Un giorno senza un sorriso è un giorno perso (C.Chaplin)”
×
Racchiude in sé mille passioni legate a tutto ciò che l’uomo produce, inventa e ricrea; è quello che si può definire un “animale sociale”. Fotografo raffinato, con la sua inseparabile macchina fotografica, congela gli istanti per estrapolarli dalla realtà e condurli in una dimensione altra, sublime. Il suo motto è “Un giorno senza un sorriso è un giorno perso (C.Chaplin)”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.