Ad aprire la terza giornata del RIFF sono stati tre corti europei, il primo per la sezione “Student short competition” e il secondo per la sezione “International short competition” mentre il terzo si colloca nella sezione “DocumentaRIFF national documentary comeptition”.

Kotobuki/ to us – Sayo è una giovane single che vive e lavora a Tokyo e durante il weekend del suo trentesimo compleanno fa visita ai suoi genitori, con il sospetto che il loro rapporto sia in crisi. Non sentendosi a proprio agio a casa sua, dopo aver discusso con la madre, Sayo fa visita al suo ex-fidanzato e passa la notte con lui, mentre a casa i genitori della giovane donna si raffrontano.

Nonostante la parte tecnica sia ben curata nei dettagli, questo corto risulta poco comprensibile anche se sottotitolato in lingua inglese. Mancano dei passaggi chiave, i quali renderebbero la visione molto più chiara e piacevole.

 Regista: Kimie Tanaka

 

Vivre Berlin – Marie vive da sola nel suo caotico appartamento a Berlino. Pierre, il suo ragazzo francese, vorrebbe andare a vivere insieme a lei, ma più lui tenta di convincerla e più i ricordi erotici di Marie affiorano e si fanno nitidi, confondendola sempre di più. La confusione di Marie culmina con una visita del tutto inaspettata, la quale le farà affrontare le contradizioni della sua vita e la porrà davanti ai suoi desideri più nascosti.

Quello della giovane regista romana è sicuramente il corto migliore del giorno; ogni scena è curata nei minimi dettagli e la fotografia è veramente eccezionale.

Regista: Michaela Stella Bagnoli

Dreaming about burning man – In questo film/documentario si racconta uno degli eventi più straordinari che hanno luogo negli Stati Uniti, il “Burning man”, festival interamente dedicato alla libertà di espressione, arte, creatività e natura, e che, si svolge nel del deserto del Nevada, il quale regala all’intero corto la location perfetta per una narrazione reale e poetica al contempo.

Realizzato attraverso un occhio attento e vigile, il quale si astiene dal dare giudizi e lascia semplicemente parlare i protagonisti attraverso le immagini, i suoni e le parole, creando così la giusta atmosfera che permette allo spettatore di immergersi completamente in questo magnifico gioco di musica e colori.

Regista: Gaia La Rouge

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.