Riflessioni postume

E’ un Achille Campanile nuovo, contemporaneo, logico e risolutivo quello che ieri sera ha fatto vivere Ezio Budini in Riflessioni Postume trattando finalmente la “morte” per quello che è: naturale, semplice e ovvia.

E’ accattivante Budini. Con una presenza scenica degna di chi sa di conoscere il proprio mestiere molto bene, si muove sul palco e sulle parole con maestria misurata ed intelligente. Notevole la scelta di far accomodare alcuni spettatori sul palco a sottolineare che i veri protagonisti, questa volta, siamo inevitabilmente tutti.

Budini ci fa da Cicerone in quello che è un percorso logico…come una chiacchierata col saggio vicino di casa o con un professore che non aspetta altro che condividere il suo sapere piùttosto che insegnarlo.

Bellissimo esempio di teatro che ha qualcosa da dire. Da vedere assolutamente!

 

 

PALCO B, Mar 2 alle 23,30 e ven 5 alle 20,30.

Roma Fringe Festival 2013 - Riflessioni postume - Foto di Fabrizio Caperchi

Roma Fringe Festival 2013 – Riflessioni postume – Foto di Fabrizio Caperchi

Roma Fringe Festival 2013 - Riflessioni postume - Foto di Fabrizio Caperchi
Roma Fringe Festival 2013 - Riflessioni postume - Foto di Fabrizio Caperchi
Roma Fringe Festival 2013 - Riflessioni postume - Foto di Fabrizio Caperchi
Roma Fringe Festival 2013 - Riflessioni postume - Foto di Fabrizio Caperchi
Roma Fringe Festival 2013 - Riflessioni postume - Foto di Fabrizio Caperchi
Roma Fringe Festival 2013 - Riflessioni postume - Foto di Fabrizio Caperchi
Roma Fringe Festival 2013 - Riflessioni postume - Foto di Fabrizio Caperchi
Roma Fringe Festival 2013 - Riflessioni postume - Foto di Fabrizio Caperchi

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.