Nella collana “Intersezioni” la casa editrice Il Mulino ha dato alle stampe l’interessante libro (265 pagine) disponibile anche in eBook.

Negli esseri umani la musicalità è una dote innata. Noi attraversiamo il tempo della nostra vita camminando, correndo, saltando, strisciando, toccando, scavando, tagliando, cucendo, bussando, carezzando, scrivendo, leggendo, parlando: sono tutte azioni che hanno intrecci ritmico-musicali.

Il 24 dicembre 1914 sul fronte occidentale decine di migliaia di soldati nemici deposero spontaneamente le armi e celebrarono insieme il Natale. Un evento che colse del tutto impreparati gli alti comandi degli eserciti contrapposti. Come fu possibile, il giorno dopo, tornare a uccidersi? La festa non è forse prerogativa di una comunità, dunque impossibile tra nemici? Altri festeggiamenti inauditi, perfino nei lager e nei gulag, ci spingono a rileggere le stesse feste “normali”, per scoprire come un certo modo ritmico di stare insieme sia ben più che l’espressione di una futile nostalgia folkloristica: ha radici evolutive, attestate nella vita sociale dei primati nostri precursori, e corrisponde in termini sociali a quelle intense relazioni a due – tra madre e figlio, tra amanti, tra amici – che sono cardine di ogni esperienza vitale.

L’autore, il professor Paolo Apolito, insegna Antropologia culturale nell’Università di Roma Tre. Ha pubblicato, tra l’altro: “Dice che hanno visto la Madonna” e “Il cielo in terra” (Il Mulino, 1990 e 1992), “Internet e la Madonna” (Feltrinelli, 2002), “Il gioco del festival. Il romanzo del Giffoni Film Festival” e “Con la voce di un altro” (L’ancora del Mediterraneo, 2004 e 2006).

La Società editrice il Mulino sempre attenta alle tematiche sociali è stata costituita nel giugno del 1954 per iniziativa del gruppo promotore della rivista il Mulino, che aveva iniziato le pubblicazioni a Bologna nel 1951. Le pubblicazioni del catalogo coprono l’intera gamma di interessi della casa editrice e una ricca produzione di libri dal profilo nettamente differenziato. Nel 2014 l’editrice ha festeggiato sessant’anni di attività.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.