È una versione dark e rock, del Romeo e Giulietta quella portata in scena da Corrado d’Elia che ha concluso (solo per ora si spera) ieri 2 Aprile al Teatro Leonardo di Milano le sue repliche.

Giulietta

Niente è tempo, tutto è tempo

Così si legge nel video-prologo di Alice Colla,che accoglie lo spettatore a inizio spettacolo e che introduce alla vicenda.

[…] Il tempo si sdoppia e per uno scherzo del destino le ore dei due amanti si sfalsano e si moltiplicano in corse infinite. Così, una lettera che doveva arrivare non arriverà mai e il tempo del risveglio per uno diventa il tempo di morte per l’altro. Amore e Morte ancora una volta insieme, ad unire per sempre ciò che l’odio avrebbe tenuto eternamente distante: due amanti, parti tenute insieme ma leggermente sfalsate in un’unica, meravigliosa, eterna storia d’amore.

LA REGIA E LE SCELTE VINCENTI

D’Elia, grazie anche a un cast eccezionale, è riuscito a raccontare in chiave moderna questo classico di Shakespeare, senza però snaturarne la poesia.

Si è puntato sull’essenzialità, a partire da una scenografia inesistente; motivo per cui sono i movimenti scenici scelti a rendere il cambiamento nel tempo, delle scene e delle ambientazioni
movimenti scenici puliti ed efficaci (elaborati insieme a Lara Guidetti)

Nel contesto di questo allestimento è comprensibile la scelta di caratterizzazione da parte del regista di tutti i personaggi.

La scelta più forte, quella che impressiona di più prima con le risate e poi con la commozione, si rivela quella di Angelo Di Figlia, volto del musical alla prima esperienza nella prosa.

Di Figlia colpisce nel ruolo complesso della Balia/Nutrice, ruolo complicato ma reso ottimamente grazie  a una stupefacente verve comica e una coinvolgente intensità emotiva.

Coraggiosa, anche se può far storcere il naso a qualcuno, la scelta di due genitori Capuleti molto fuori dagli schemi, uno dedito alla feste e l’altra con evidenti sbalzi d’umore che portano a esilaranti scambi di battute o espressioni facciali con la Nutrice.

In parte tutti i protagonisti, su tutti Giulietta (interpretata da Chiara Salvucci), che patisce l’incomunicabilità coi genitori e le scelte di questi ultimi e che solo nella relazione, seppur breve, con Romeo (Emanuele Turetta) è realmente sé stessa.

Questa versione di Romeo e Giulietta è dinamica e coinvolgente e se si ha la curiosità di spaziare nelle novità teatrali si scoprirà una vera chicca!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.