Serial Killer per Signora : piccolo musical per grandi interpreti

929

Prendi un musical americano vecchio stile, allegro, leggero,  ma non di quello tutto luci, effetti, costumi, scene, balletti. No prendi un piccolo musical.

Prendi poi una scena molto scarna, essenziale ma efficace, adattabile a qualsiasi palco.

- Advertisement -

Infine prendi “solo” quattro attori, due donne (non molto conosciute ma molto talentuose) e due uomini (si due ex “figli di” visto che da tempo sono loro stessi attori affermati e acclamati).

Mischia tutto e otterrai “Serial Killer per Signora”, musical in due atti con Gianluca Guidi (che ne cura anche la regia), Giampiero Ingrassia, Alice Mistroni e Teresa Federico.

Dopo un debutto la scorsa estate al noto festival ligure di Borgioverezzi, da qualche settimana sta girando per l’Italia in lungo e in largo.

In questi giorni si trova tra Trentino Friuli e Veneto mentre dal 23 Marzo al 9 aprile sarà in scena al Teatro Manzoni di Milano.

La storia è divertente.

L’attore non molto talentuoso Christopher Kit Gill (Gianluca Guidi), ha perso da poco la madre, famosissima attrice spesso sulle prime pagine dei giornali. Christopher è schiacciato dalla figura materna, ossessionato dalla sua fama.

Vorrebbe dimostrare al suo fantasma che anche lui è in grado di diventare famoso e di finire sulla prima pagina del New York Times.

Abile nell’arte del travestimento, Christopher diventa un killer seriale di donne (tutte interpretate da Alice Mistroni) ad indagare su questi omicidi sarà il detective Morris Bromo (Giampiero Ingrassia), succube di una mamma chioccia (Alice Mistroni) orgogliosa dell’altro figlio medico (sempre sul giornale, anche in poche righe) e poco soddisfatta del lavoro di Morris .

Indagando sul primo caso di omicidio Morris conoscerà Sarah Stone (Teresa Federico), una giovane donna proprietaria di una galleria d’arte, abituata a frequentare il bel mondo e i ricchi newyorkesi e si innamorerà di lei.

Ma sarà ossessionato da Christopher che, attraverso telefonate in qualsiasi momento della giornata, lo sfida con omicidi sempre più efferati solo per ottenere la tanto agognata prima pagina del New York Times.

Questo porterà a Morris qualche problema con Sarah, ma porterà anche a lui una buona dose di notorietà.

Fino a quando..

Apparentemente i due antagonisti sembrano diversi, uno figlio e succube del successo, l’altro sciatto e bamboccione.

Il denominatore comune è l’ingombrante presenza della figura materna, l’attrice distratta dal successo, poco affettuosa con il figlio, anzi, in competizione con lui, la casalinga chioccia, iperprotettiva con il figlio nonostante l’età dello stesso (“Nel sandwich c’è la maionese. Appena arrivi al comando mettili del frigo altrimenti va a male. Telefonami quando lo hai fatto”. “Ieri sera alle 10 non eri ancora rientrato”).

E la ricerca di approvazione prende due strade diverse. L’attore sfida la madre nel modo più efferato, tragico.

Il detective trova in Sarah la complicità per il distacco definitivo.

Lo spettacolo è un musical abbiamo detto.

Tante sono le canzoni che si integrano con la storia, perfettamente interpretate dai quattro.

C’è poco da dire su Guidi e Ingrassia. Sono bravi. Conoscendole meno invece c’è più da dire sulle due attrici.

Sorprendente Alice Mistroni, già vista tante volte in musical blockbuster come “Priscilla la regina del Deserto”, “Shrek” e l’ultimo “Jersey Boys”, qui camaleontica, capace di trasformarsi in pochi minuti da mamma petulante, a vecchia vedova, a ballerina di tango, a stralunata attrice “ex rivelazione”.

Perfettamente a suo agio Teresa Federico nella parte della snob americana, sia nella recitazione che nel canto.

Due ore piacevoli, divertenti.

Uno spettacolo adatto a tutti che ci sentiamo di consigliare soprattutto ai più giovani che possono scoprire il ben fatto teatro leggero, troppo spesso oramai offuscato da produzioni faraoniche con poca anima e poco mestiere.

- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.