SIGNS – SEISMOGRAPHICS SOUNDS GRAFICA E SONORITA’ A CONFRONTO A BASE MILANO

786

SIGNSNegli anni ’60 in Via Bergognone, una delle zone centrali di Milano, c’era la Ansaldo, un’industria per la produzione di locomotive, tram e carrozze ferroviarie.

Nel corso degli anni il complesso si è trasformato in centro culturale e dal 2014 diventa BASE, la cui missione è ” una nuova forma di linguaggio da creare ex-novo. Sogno e concretezza, insieme.

Ne sono espressione i due allestimenti in mostra in questi giorni: SIGNS fino al 20 dicembre e SEISMOGRAPHICS SOUNDS fino al 23 dicembre.

SIGNS è una sorta di “vedetta” sull’espressione grafica attuale in cui segno e materiali si intersecano. Libri, giornali, manifesti promozionali, depliant, ma anche oggetti come quaderni, contenitori in cui le materie prime sono l’ispirazione per la produzione grafica. Molti stili a confronto: da Mauro Bubbico a Guido Scarabottolo ad Armando Milani, solo per citarne alcuni.

SIGNS

SEISMOGRAPHICS SOUNDS, nella sala adiacente è un viaggio di luci, immagini e video che abbraccia il mondo intero, attraverso le culture e i continenti in cui si racconta l’uomo nella sua costituzione: passione, desiderio, solitudine, soldi…
All’ingresso la spiegazione del percorso che cita:

” Entriamo in un nuovo mondo. Un mondo di musica sorprendente e di immaginiforti. Un mondo in opposizione al commercio e alla guerra, lontano da clichés culturali e stereotipi”

Tutti i giorni da martedì a domenica dalle 11 alle 20 ad ingresso gratuito.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.