La Slovenska Filharmonija – Filarmonica Slovena ha presentato per la prima volta il programma integrale della nuova stagione a Trieste in una conferenza stampa alla quale hanno preso parte il direttore della Filarmonica Marjetica Mahne, il direttore artistico del settore orchestrale Klemen Hvala e il direttore artistico del settore corale Gregor Klančič.

Nell’anno in cui la Filarmonica, nella sua forma attuale, festeggia i 70 anni di attività (ma con una storia che con la fondazione dell’Academia Philharmonicorum Labacensis risale ai primi anni del ‘700), il programma sarà particolarmente ricco e articolato, comprendendo tre cicli in abbonamento di concerti sinfonici, cameristici, corali e sinfonico-corali, inoltre un festival barocco, il ciclo Verso l’anno nuovo con nuova musica e una serie di matinée per le famiglie.   

LEVENTO DI APERTURA

Philipp von Steinaecker

Marjetica Mahne, che quest’anno ha assunto la funzione di direttore della Filarmonica slovena, ha espresso particolare soddisfazione per il ritorno del celebre direttore Marko Letonja (che in passato è stato direttore artistico dell’istituzione) che giovedì 6 settembre aprirà ufficialmente la stagione con un grande concerto nella sala del Cankarjev dom di Ljubljana, dove l’orchestra della Filarmonica eseguirà capolavori di Strauss, Ligeti e Berlioz.

IL PROGRAMMA SINFONICO (DAL 20 SETTEMBRE 2018 AL 7 GIUGNO 2019)

Il direttore artistico del settore orchestrale Klemen Hvala sottolinea la varietà nelle scelte di programma che considerano il grande repertorio, con capolavori che quest’anno comprenderanno ad esempio lo splendido Requiem di Fauré, l’Incompiuta di Schubert, diverse sinfonie di Mahler e poemi sinfonici di Strauss, ma anche novità come il brano su temi siciliani scritto da Vito Žuraj, insignito del Premio di composizione Abbado.

Conferme e interessanti scoperte riguarderanno anche la scelta di direttori e solisti che collaboreranno con l’orchestra filarmonica, tra i quali il violinista austriaco Julian Rachlin (che fu il più giovane solista ad esibirsi con i Wiener Philharmoniker) e la direttrice italiana emergente Nil Venditti. Tra i direttori ospiti della stagione ci saranno anche Philipp von Steinaecker (uno dei membri fondatori della Mahler Chamber Orchestra), il direttore residente dell’Orchestra Verdi di Milano Jader Bignamini e il direttore musicale della Deutsche Oper am Rhein Axel Kober.

IL PROGRAMMA CORALE (DAL 16 SETTEMBRE 2018 AL 2 MAGGIO 2019)

Il programma corale è una peculiarità della Filarmonica slovena, un’opportunità per conoscere le eccellenze mondiali di questo settore specifico e per godere della suggestione delle opere per coro a cappella o coro e orchestra sinfonica che sono note al grande pubblico.

Nil Venditti

Quest’anno il coro di professionisti della Filarmonica sarà impegnato in molti progetti, tra i quali l’oratorio Le Stagioni di Haydn, ma anche il magnifico Te Deum di Arvo Pärt, accanto a capolavori del periodo rinascimentale (con il direttore ospite Paul Van Nevel, fondatore dell’ensemble Huelgas, gruppo di riferimento nella musica antica) o al Requiem di Ildebrando Pizzetti. Il concerto di apertura di questo programma in abbonamento verrà dedicato invece all’anniversario della fine della prima guerra mondiale con un programma di autori sloveni. Nel corso della stagione ci sarà anche uno speciale omaggio a Wolfgang Amadeus Mozart nel giorno del suo compleanno con l’esecuzione dei Vesperae solennes e di una prima assoluta dell’affermata compositrice Nana Forte dedicata al geniale salisburghese.

CICLI FUORI ABBONAMENTO

Il coro, l’orchestra e gli ensemble strumentali della Filarmonica saranno impegnati durante la stagione anche in un ciclo di eventi per i bambini e i ragazzi con sei matinée create appositamente per permettere al pubblico più giovane di avvicinarsi ed appassionarsi alla musica classica.

Le festività non resteranno senza programmi speciali fuori abbonamento con un concerto natalizio che comprenderà il Magnificat di Johann Sebastian Bach e il concerto di capodanno con le bollicine delle musiche di Offenbach e del compositore spalatino Von Suppè.

Dal 30 novembre al 17 gennaio andrà in scena invece la quarta edizione del festival barocco che anche negli anni scorsi ha portato all’attenzione del pubblico capolavori del passato che grazie a questa manifestazione sono stati eseguiti per la prima volta sui palcoscenici sloveni.

La vendita di abbonamenti e biglietti è già aperta presso la biglietteria della Filarmonica nella centralissima piazza del Congresso a Ljubljana, on-line attraverso il circuito Eventim (per il concerto di apertura) e negli appositi link delle pagine web filharmonija.kupikarto.si e cd-cc.si (nel caso dei concerti che si svolgono nelle sale del Cankarjev dom). Multimedia Radioattività si occuperà dei viaggi organizzati da Trieste per gli eventi di punta della stagione corrente, tra i quali è già in prevendita il concerto di apertura.

La presentazione della stagione della Filarmonica slovena a Trieste è stata realizzata con la collaborazione di:

  • Glasbena matica– centro musicale sloveno nel Friuli Venezia Giulia
  • Multimedia Radioattività
  • Zveza cerkvenih pevskih zborov – Unione dei cori parrocchiali sloveni della provincia di Trieste
  • Zveza slovenskih kulturnih društev – Unione dei circoli culturali sloveni

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.