Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Prendete una coppia di amici, mica – tanto- amici, una serie di video messaggi tra l’inquietante e l’impossibile, un appartamento in affitto e….due musicisti nell’armadio.

Mescolate il tutto con una serie di simpatiche rivisitazioni musicali fra il reale e l’irreale e avrete Sospetti, una nuova commedia firmata Lorenzo De Feo, per la stagione teatrale del Teatro Millelire di Roma.

In scena fino al 27 Aprile, è una commedia musicale che mette in luce in chiave ironica e a tratti grottesca le manie inconciliabili della convivenza fra amici.

Il finale è sicuramente la firma riconoscibile dell’autore che amava sorprendere lo spettatore grazie a una serie di conclusioni nelle conclusioni. Un gioco di scatole magiche per un teatro che ha voglia di divertirsi per divertire.

 

Sospetti

di Lorenzo De Feo

con Junia Tomasetta e Antonio Lupi

e con Antonio Diana

Flauto  Andrea Salvi

Chitarra  Angelo Magnifico

Disegno luci e tecnico audio/luci Tony di Tore

Audio effects Stefano Di Fiore

Testi delle canzoni Junia Tomasetta e Antonio Lupi

 

 

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.lanouvellevague.it/home/wp-content/plugins/ultimate-author-box/inc/frontend/uap-shortcode.php on line 119
style=”display:none;”>
Author Details
Conservare lo spirito dell’infanzia dentro di sé per tutta la vita vuol dire conservare la curiosità di conoscere il piacere di capire la voglia di comunicare. – Bruno Munari – Insegnante di scuola dell’infanzia per passione, amo ripetermi che leggere fra le righe dell’arte sia una forma di comunicazione privilegiata della quale i bambini sono i veri maestri. Laureata in Scienze dell’Educazione con una Tesi dedicata al confronto fra i modelli mass mediali in relazione alla multicultura e alla multireligiosità in una prospettiva interculturale, scelgo di perfezionarmi successivamente proprio in Educazione Interculturale, convinta che saper guardare sempre “oltre”, osservare attentamente e ascoltare con curiosità, siano una buona chiave di lettura per stare al passo con questo mondo che non si ferma mai, proprio come i bambini ai quali dedico il mio lavoro. Proprio come l’Arte, alla quale dedico il mio entusiasmo.
×
Conservare lo spirito dell’infanzia dentro di sé per tutta la vita vuol dire conservare la curiosità di conoscere il piacere di capire la voglia di comunicare. – Bruno Munari – Insegnante di scuola dell’infanzia per passione, amo ripetermi che leggere fra le righe dell’arte sia una forma di comunicazione privilegiata della quale i bambini sono i veri maestri. Laureata in Scienze dell’Educazione con una Tesi dedicata al confronto fra i modelli mass mediali in relazione alla multicultura e alla multireligiosità in una prospettiva interculturale, scelgo di perfezionarmi successivamente proprio in Educazione Interculturale, convinta che saper guardare sempre “oltre”, osservare attentamente e ascoltare con curiosità, siano una buona chiave di lettura per stare al passo con questo mondo che non si ferma mai, proprio come i bambini ai quali dedico il mio lavoro. Proprio come l’Arte, alla quale dedico il mio entusiasmo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.