Storie di donne memorabili con Marta Perego e Annarita Briganti a Pordenonelegge

94

Letteratura, grandi donne, moda e giornalismo, passeggiate e solitudine: su questo e su moltissimo altro Anna Vallerugo ha dialogato con Annarita Briganti e Marta Perego, intervistate al Ridotto del Teatro Verdi durante la terza giornata di Pordenonelegge- Festa del libro con gli autori.

Al centro del dialogo e punto di partenza delle molte riflessioni, i rispettivi volumi (editi nel corso dell’anno da Cairo Editore e da Bottega Errante) “Coco Chanel. Una donna del nostro tempo” e “M come Milano”.

Se il primo è decisamente una biografia, anche se 

si legge come romanzo, è un reportage ed è scritto come un documentario

precisa la Briganti; il secondo è difficilmente inquadrabile e si sviluppa a cavallo tra guida e diario.

D come Donne

In entrambi troviamo però figure di donne: nomi e personalità diverse, icone nella propria professione. Donne memorabili restituite dallo sguardo appunto della giornalista culturale, scrittrice e traduttrice Annarita Briganti e di Marta Perego, giornalista, autrice e conduttrice televisiva.

Coco Chanel da un lato, Mariangela Melato dall’altro: così è partito e si è sviluppato il dialogo tra le due.

Anche se attualmente è considerata come l’icona del lusso, non si può non raccontare Madamoiselle (Coco) senza partire dalle sue origini, poverissime e la crescita in una famiglia disfunzionale.

Ciò la porta a reagire, dopo l’entrata in orfanotrofio, formando una propria idea della moda e di quello che oggi è chiamato l’empowerment femminile. Coco, nata nel 1883, è infatti la prima imprenditrice della storia.

Qualche decennio dopo, in un altro campo lavorativo e iniziando in sordina, vediamo emergere Mariangela Melato.

Dobbiamo lo sviluppo di una carriera immensa a un inizio avvenuto quasi per caso, quando Mariangela fu confusa con una parente di Maria Melato, attrice italiana di teatro, radio e cinema dei primi decenni del 1900, di cui però non era minimamente parente.

“M come”

M come moda, rappresentata da Chanel. M come Milano, il vivere milanese e la capacità della città di esaltare ma anche, al contempo, di affossare.

La Milano di Alda Merini, al centro de “L’eroina del caos” della Briganti. La Milano di Camilla Cederna, giornalista e critica 

Donne, fonti di grandissima ispirazione, che a un certo punto, si sono trovate a guardare dentro sé stesse e ritrovate allo specchio. A fare i conti e confrontarsi con se stesse e, a volte, con la propria solitudine.

Le donne devono imparare ad avere un legame con la propria solitudine

Mariangela Melato

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.