Abbiamo intervistato gli autori, Salvatore Buccafusa e Patrizio Pacioni, dell’esilarante commedia Sua eccellenza è servita (qui potete leggerne la recensione) che dopo la sua anteprima al Teatro Boni e il debutto al Teatro Cyrano, sarà in tournèe la prossima stagione teatrale.

Come è nata l’idea di questo testo? E quale dei due autori ha pensato di coinvolgere l’altro?

L’idea di scrivere Sua Eccellenza è servita (che all’inizio avevamo battezzato Di un vescovo sposato e di altri malanni) è nata durante un pranzo.

In occasione del pranzo seguito a una manifestazione letteraria, ci siamo ritrovati allo stesso tavolo di alcune persone molto particolari, che ci hanno ispirato la situazione iniziale della commedia.

Il resto, come suol dirsi, è venuto da sé: inizialmente come una specie di gioco, capace di farci ridere a crepapelle quando se ne parlava al telefono, che poi, ben presto, si è trasformato in un vero e proprio progetto creativo.

È il primo lavoro che scrivete assieme?

Sì, è il primo. C’è un’altra idea, stavolta di narrativa, a bollire in pentola, ma per metterci mano seriamente occorre che alcuni impegni si esauriscano.Sua eccellenza è servita

Qual è il messaggio che volete arrivi al pubblico?

In Sua Eccellenza è servita sono presenti diversi, livelli di lettura e di fruizione. Intanto è una pièce divertente, intarsiata sia di citazioni dotte che di battute (per così dire) più sapide.

Per quanto riguarda i contenuti, invece, i richiami a contenuti sia della psicanalisi che della pre-psicanalisi teatrale di estrazione pirandelliana (non per nulla i personaggi della commedia sono sei) sono evidenti.

La commistione di comicità e tragedia è il secondo livello, che mira a ricordare agli spettatori due concetti speculari ma di pari verità: da una parte che, nella vita vera, spesso il dramma sa ammantarsi di grottesco: dall’altra che lo scudo migliore contro le inevitabili disgrazie di cui è costellato il cammino della vita sia una sana ironia e soprattutto, autoironia.

La regia di Fares ha rispecchiato l’obiettivo del vostro lavoro?

Certamente sì. La regia di Fares, che nella lettura e trasposizione scenica del testo ha deciso l’adozione della tecnica del metateatro, ha contribuito a rafforzare la forza del messaggio e dei messaggi cui ci si è riferiti prima.

Gli attori scelti da Fares hanno rispecchiato ciò che avevate in mente al momento della stesura del testo?

Questa è stata forse la “sorpresa” più inaspettata e gradita che ci ha riservato Fares.

Gli attori chiamati a interpretare i personaggi di Sua Eccellenza è servita ci sono sembrati, fin da subito, estratti e replicati, per una sorta di magia, direttamente dalla nostra immaginazione.

L’immedesimazione e la resa recitativa di Antonio Conte, Francesco Sala, Mimma Lovoi, Guenda Goria e Marco Blanchi, insieme al qui presente Salvo Buccafusca, è risultata semplicemente perfetta.

Foto di Riccardo Spinella

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.