La compagnia canadese Cirque Alfonse propone con Tabarnak la propria personale visione del sacro e del profano in uno spettacolo non sempre fluido dal punto di vista tecnico, ma sicuramente di grande impatto visivo e drammaturgico.

Un vivace circo musicale, anarchico e poetico,  in cui l’organo stravolge la canonica partitura di una Messa cantata  e i banchi della chiesa vengono ribaltati durante le  acrobazie.

Il Cirque Alfonse riunisce sei performer circensi e tre musicisti, proponendo un circo che affonda le proprie radici nella tradizione folkloristica del Quebec, con un’evidente impronta di modernità. Tabarnak, la loro ultima produzione – presentata nell’ambito del Festival  Sul Filo del Circo, al Teatro Le Serre di Grugliasco –  è ispirata al nome della chiesa del villaggio in cui si riuniva la piccola comunità del Quebec in cui sono cresciuti gli artisti.

Ma in questo titolo c’è molto di più: Tabarnak è anche la tradizionale espressione linguistica locale, un tempo impiegata come grido di protesta e ribellione contro l’autorità , ora utilizzata nel gergo quotidiano per indicare dolore, rabbia, stupore.

La scelta di mettere in scena, tra musica e spettacolari acrobazie aeree, uno spettacolo fortemente ispirato alla tradizione religiosa, che contiene un’indelebile impronta di profana contemporaneità, rappresenta un’efficace invito a riflettere: il pubblico è infatti persuaso a mantenere (quasi costantemente)  lo sguardo verso l’alto, senza nascondere il proprio effettivo stupore.  inducendo comunque  il pubblico a mantenere lo sguardo rivolto verso l’alto, senza nascondere il proprio stupore.

Tabernak

In un momento in cui la società contemporanea è caratterizzata da radicato scetticismo, Tabarnak rappresenta una celebrazione (laica ed anarchica) del Cielo e dell’Inferno, con tutto ciò che si trova a metà strada: musiche che ricreano atmosfere oscillanti tra Gen Rosso e l’opera rock; le spettacolari evoluzioni aeree condotte a colpi di frusta; la componente maschile della compagnia che si esibisce – vestita o (s)vestita – in stile “Mormon” e offre divertenti sessioni di immersione profana e purificatoria in una fonte battesimale; pissidi roteanti come fossero turiboli; orazioni cantate a passo di tap.

Ma lo spettacolo non si conclude dentro il tendone e prosegue all’esterno, con un “fuori programma”, durante il quale il pubblico continua a osservare con gli occhi rivolti al cielo incredibili evoluzione aeree, attutite dalla sola presenza di un morbido materasso.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.