Apre il nuoco Tac Teatro a Milano

734

UN NUOVO TEATRO A MILANO

TAC TEATRO INAUGURA LA SUA STAGIONE “SI PUO’ FARE”

 

- Advertisement -

Si aprirà con un tour teatralizzato la presentazione di “Si può fare”, la stagione del Tac Teatro,

sabato 28 novembre alle ore 18 nella sede di via Ponte Nuovo 51, nella Zona 2 di Milano.

Il titolo della stagione apre prospettive e possibilità che la Compagnia Tac Teatro concretizza nelle sue scelte, mirate a riscoprire il piacere di vivere uno spettacolo nella dimensione unica che il contatto col pubblico offre, in uno scambio di emozioni che passano attraverso gli sguardi, nel calore di un applauso, nella gioia del raccontare, del condividere.

Dedicata alla drammaturgia contemporanea italiana, la stagione di Tac Teatro ospiterà compagnie per lo più del Nord Italia, che proporranno i loro spettacoli in permanenza per un mese.

Le tre sale (con una capienza di 40, 50 e 100 posti) alterneranno le rappresentazioni in programma, lasciando ampio spazio – durante l’anno – anche all’aspetto della formazione attoriale e ludica.

Tac Teatro è una compagnia teatrale fondata da Ornella Bonventre nel 2014, fino a strutturarsi nei mesi scorsi in Associazione Culturale. La linea di pensiero si delinea in tempi brevi e le idee di Ornella Bonventre (attrice e regista) incontrano quelle dei suoi colleghi Marco Nicosia, Juan Ray e Claudia Campani.

Al centro la persona, si potrebbe dire. Al centro senza dubbio lo spettatore e le sue esigenze. La capacità di stimolare un pubblico vario, di guidarlo nella comprensione del lavoro teatrale privilegiando il coinvolgimento emotivo. Non a caso tra i fondatori figura Tiziana Bianchini (Coop. Lotta contro l’emarginazione), che sostiene e nutre nel profondo l’anima sociale di Tac Teatro, con progetti mirati a favorire l’integrazione culturale e sociale – massima espressione di questo impegno sono le Domeniche del Popolo, con il mercato del baratto, i momenti di condivisione, le danze popolari, gli artisti di strada. Attraverso percorsi specifici il mezzo teatrale attua quella trasformazione antropologica che è tipica del mettere in gioco le possibilità di ognuno di noi. Passato e tradizione si fondono con nuove tecnologie e nuovi stimoli. Il gioco nella sua evoluzione, affidato ai professionisti di Tac Teatro.

Tac Teatro è dare spazio. E’ dove tutto “si può fare”, parafrasando il titolo della stagione teatrale. Negli ambienti ampi di questo universo straordinario, in via Ponte Nuovo 51, dove i sogni diventano realtà e dove la fantasia prende forma senza paura e senza imposizioni, si terranno workshop e mostre artistiche, installazioni, presentazione di libri, dibattiti e momenti di condivisione arricchiranno ogni passo di questa esperienza tanto folle quanto geniale. La follia nella sua accezione più romantica che libera gli istinti e il desiderio di meraviglia.

La struttura di Tac Teatro è gestita in totale autonomia dall’energia di uno staff compatto che vede Ornella Bonventre nella Direzione Artistica, affiancata dal prezioso supporto di Marco Nicosia che gestisce anche la parte segreteria/amministrazione. Le mostre d’arte saranno curate da Borislava Stamenova, gli incontri dedicati al cine-club saranno a cura di Violeta Arista, una sezione sarà dedicata al cinema al femminile a cura di Sguardi Altrove Film Festival, la sezione ludico/circense è affidata a Claudio Madia (fondatore del Piccolo Circo di Milano), che all’interno della struttura ha posto le basi della Nuova Scuola di Piccolo Circo, Clown e Magia. Oltre allo staff, una folta schiera di volontari appassionati che contribuiscono quotidianamente a rendere lo spazio “abitabile”, con tutti i significati attribuibili al termine: Una casa, una famiglia, una scuola. Tac Teatro è anche un luogo dove l’arte offre ospitalità reale, grazie al Rifugio degli Artisti, in cui sarà possibile per chi lo vorrà approfondire la permanenza, con la vita di tutti i giorni in Tac Teatro.

Noi crediamo fermamente in un progetto che a molti può sembrare assurdo e magari un po’ incosciente. Paradossalmente è una incoscienza cosciente, che ci ha portato a voler a tutti i costi sfidare la realtà teatrale italiana, perché siamo convinti che la passione ancora muove molti di noi in questo che è uno dei lavori più belli al mondo. Esprimere la propria creatività è sempre un dono, poterlo fare e scoprire che siamo in tanti a volerci unire è un enorme successo. Abbiamo incontrato il favore e lo stupore di artisti che abbiamo apprezzato in giro per l’Italia nei nostri laboratori, nelle nostre residenze. C’è voglia di raccontare e ne siamo la prova vivente. Anche per i bambini, a cui abbiamo dedicato gran parte delle nostre iniziative, è importante sapere che c’è qualcuno che parla il loro stesso linguaggio, che è quello del gioco. Scoprirete, proprio in relazione al gioco, una delle iniziative più particolari e suggestive che abbiamo realizzato insieme a Claudio Madia.

(Ornella Bonventre, direttrice artistica)

 

Al Tac si realizza un progetto dal titolo “GiocateBeneFratelli” con il quale strizzando l’occhio al facile accostamento con una struttura sanitaria milanese la metafora del guarire attraverso i sorrisi prende totale forma nella realtà.

“Il nostro male oggi è l’incapacità cardiaca al gioco. Il gioco è stato più volte ammazzato o ridotto in fin di vita, sempre più spesso e sempre con crescenti concause…”

(Claudio Madia, Piccolo Circo di Milano)

 

Questi  i nomi del cartellone teatrale: Claudio Madia, Cristina Castigliola, Compagnia Scattante Elettrosanto Pertini, Compagnia Atir con Mattia Fabris e Jacopo Bicocchi, Har bajè con Irene Quartana, Compagnia Filastrofici, Flavia Ripa e Giulia Angeloni, Norberto Presta, Andrea Elias, Kollettivo Drag King, Compagnia La Cruda Teatro, Frank Provvedi. Tra gli autori, presenti a vario titolo, Giancarlo Trapanese, Solidea Ruggiero, Maria Piacente, Angelo Villa, Paolo Mottana, Marco Lo Conte. Numerosi eventi collaterali garantiscono ulteriormente la riuscita di una selezione valida e sicuramente unica per eterogeneità nel panorama attuale del teatro milanese. Una segnalazione particolare meritano i Festival e le rassegne a 360° cui si potrà partecipare a fronte di una quota associativa pensata per tutte le esigenze.

La compagnia Tac Teatro ha dimostrato in più occasioni che lavorare serenamente e vivere d’arte “Si può fare”, per il nobile scopo di crescere insieme, per l’urgenza umana di vivere insieme.

Le premesse del nuovo Teatro in città, in via Ponte Nuovo 51, zona 2 (Gorla-Cimiano) hanno già messo solide radici, registrando in poche settimane un numero di iscrizioni considerevoli, che hanno permesso di cominciare le attività in anticipo rispetto all’inaugurazione di sabato 28 novembre alle ore 18.

E’ possibile consultare il calendario completo delle attività sui siti https://tacteatro.wordpress.com e www.ornellabonventre.com

Per informazioni: tac.teatro@gmail.com, tel. 3351472540

- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.