Sul palco sono saliti in formazione di undici elementi per uno show di circa due ore, il quale ha regalato al pubblico un nostalgico tuffo nel passato, donando le indimenticabili emozioni dei più celebri e spettacolari tour di Jackson, il tutto accompagnato dai suoi più famosi brani.

King of pop tribute band è il nome del gruppo che si è esibito in questo show, grazie a un’entusiasmante e riuscito mix di suoni, coreografie, effetti speciali e videoproiezioni con passione, professionalità e dedizione.

Undici elementi, che uniti dall’amore per la musica e la persona di Michael Jackson si sono riuniti per dar vita a un applauditissimo spettacolo in suo onore. Il cantante e frontman, Vittorio Masullo, attualmente riconosciuto come migliore impersonator del grande Re del Pop, ha ripercorso con tutta la band le Hit più famose di MJ, senza tralasciare nessun particolare con molteplici cambi d’abito e al tempo stesso proiezioni-video durante tutto lo spettacolo per arricchire l’aspetto scenografico.

Sul palco ha rivissuto lo stile, interpretato da una crew di ballerini d’eccezione: dal ballo del robot al moonwalk, dal sidewalk all’antigravity lean. Gradita sorpresa della serata la grintosa presenza sul palco di Jennifer Batten, storica collaboratrice di Micheal Jackson in numerosi tour di successo. Le coreografie ricche di energia e notevole performance sono state curate da Giuseppe Mattia Masullo nell’interpretazione di Hernando Di Niso, Mattia Pesce e Alarico Pievani. Alle chitarre Roberta Raschellà, al basso Fabio Longo, alla batteria Fiamma Cardiani.

Uno show creato su misura sia per i fan di Jackson, sia per coloro che si sono avvicinati per la prima volta al mondo di questo straordinario artista che è entrato nel Guinness dei Primati per essere l’artista di maggior successo di tutti i tempi con oltre un miliardo di dischi venduti, diventando una figura dominante nella cultura popolare per 45 anni, grazie al suo contributo nel campo della musica, la danza, lo spettacolo e la moda. I video musicali delle sue canzoni hanno rivoluzionato il modo di concepire la musica trasformandoli in una forma d’arte.

Lo spettacolo ha trasmesso con forza l’essenza e l’ispirazione di MJ artista e della sua persona, infondendo amore per la bellezza ed immensa passione per il ballo con l’aiuto della sua poderosa ed emozionante musica in una straordinaria fusione nel fantasioso mondo di MJ. Nel finale molto apprezzata la partecipazione di un suggestivo coro accompagnato dalla tenerezza di un gruppo di piccoli bambini che hanno incoronato il lascito di MJ – grazie a tutti gli interpreti con le immancabili giacche di paillettes, il bianco e nero, i cappelli e i guanti – per rendere omaggio al suo genio di performer, amplificandolo e trasformando il suo messaggio in un augurio universale all’amore, alla pace e all’unità.

Un racconto musicale e coreografico: ogni canzone ha illuminato un capitolo esistenziale diverso, da “Childhood” a “Beat It”, da “Human Nature” a “Thriller”, “They Don’t Care About Us”, “Billie Jean” per giungere all’intima ”Man In the Mirror”. Assoli ed esibizioni corali pensate per dialogare con l’energia ed il ritmo, per coinvolgere il pubblico con le emozioni di una storia musicale unica ed irripetibile.

×
Editorialista , La Nouvelle Vague Magazine
Prima o poi scriverò qualcosa …
Latest Posts
  • I ballets russes di Diaghilev tra storia e mito
  • Café-chantant
  • Storia della danza italiana

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.