ROMA FRINGE FESTIVAL 2014

 

7 giugno – 14 luglio
Italia, Belgio, Francia, Gran Bretagna e Stati Uniti per una festa di Teatro, Musica e Visioni

“consigliato a chi segue il teatro, a chi lo ama, ma soprattutto a quelli che hanno sempre pensato di poterne fare a meno”

Villa Mercede, Via Tiburtina 113 – 115 (Zona San Lorenzo) tutti i giorni a partire dalle 19.00
con mercatino vintage, eco e bio

Dopo le 35.000 presenze dello scorso anno, torna dal 7 giugno al 13 luglio 2014, – con il Patrocinio del Municipio Roma II – l’invasione festosa e colorata del Roma Fringe Festival. La grande vetrina italiana del teatro e dello spettacolo indipendente ospiterà quasi 100 proposte artistiche nazionali e internazionali per un’estate di spettacolo…rigorosamente dal vivo.

Per la terza edizione, coordinate da una squadra di lavoro affiatata e under 35, 72 compagnie teatrali provenienti da Italia, Belgio, Inghilterra, Francia e Stati Uniti e decine di “stand up comedians” si sono autoprodotte per dare vita a una kermesse unica, in grado di offrire al variegato pubblico affezionato un altrettanto variegato cartellone tra teatro canzone, commedia, dramma, teatro civile, danza e stand up comedy all’insegna della libertà e dell’indipendenza artistica.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Indipendenza, Nuove Visioni, Festa, Sostenibilità e Libertà: sono ancora queste, a distanza di anni, le parole chiave di un festival che, nato come una sfida da parte di un gruppo di giovani produttori e autori teatrali, si è poi trasformato in un appuntamento atteso e unico nel suo genere.

“Anche nel 2014” ha dichiarato l’ideatore e Direttore Artistico Davide Ambrogi, “sempre più prorompente, il turbine artistico delle compagnie del Fringe porterà i cittadini a scoprire il teatro più genuino, quello lontano dai grandi palchi mainstream, e più che mai fatto di lavoro e sacrificio quanto di gioco, passione e sogno; consigliato a chi segue il teatro, a chi lo ama, ma soprattutto a quelli che hanno sempre pensato di poterne fare a meno.”

Dal 7 giugno al 13 luglio, si parte ogni giorno alle 19.30 con il mercato bio, eco, regionale e vintage (a cura di Mente Collettiva), per poi proseguire dalle 20.30 a mezzanotte con nove spettacoli a sera: un’offerta ampia che trasforma il festival in svago per famiglie, studenti, appassionati e un pubblico più “alternativo”.

Come sempre, insieme alle proposte più indipendenti, saranno ospiti anche i big “Fringe” italiani, che offriranno spettacoli gratuiti tutti i fine settimana.

Il tutto accompagnato dalla mescita di birre artigianali e vini pregiati a cura del Il Serpente. Insieme al teatro, quest’anno anche il Brasile sarà protagonista del Roma Fringe Festival che, negli spazi di Villa Mercede, proietterà le partite dei mondiali, garantendo un ambiente accogliente e sicuro.

ROMA FRINGE FESTIVAL 2014: 7 giugno – 14 luglio. Villa Mercede, Via Tiburtina 113 – 115 (Zona San Lorenzo). Ingr. gratuito, spettacoli 5 euro

Per info, prevendite e programma: www.romafringefestival.it

www.facebook.com/RomaFringe / @RomaFringeFest / www.twitter.com/RomaFringeFest

Con il Patrocinio morale e gratuito di Municipio Roma 2

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.lanouvellevague.it/home/wp-content/plugins/ultimate-author-box/inc/frontend/uap-shortcode.php on line 119
style=”display:none;”>
Author Details
Conservare lo spirito dell’infanzia dentro di sé per tutta la vita vuol dire conservare la curiosità di conoscere il piacere di capire la voglia di comunicare. – Bruno Munari – Insegnante di scuola dell’infanzia per passione, amo ripetermi che leggere fra le righe dell’arte sia una forma di comunicazione privilegiata della quale i bambini sono i veri maestri. Laureata in Scienze dell’Educazione con una Tesi dedicata al confronto fra i modelli mass mediali in relazione alla multicultura e alla multireligiosità in una prospettiva interculturale, scelgo di perfezionarmi successivamente proprio in Educazione Interculturale, convinta che saper guardare sempre “oltre”, osservare attentamente e ascoltare con curiosità, siano una buona chiave di lettura per stare al passo con questo mondo che non si ferma mai, proprio come i bambini ai quali dedico il mio lavoro. Proprio come l’Arte, alla quale dedico il mio entusiasmo.
×
Conservare lo spirito dell’infanzia dentro di sé per tutta la vita vuol dire conservare la curiosità di conoscere il piacere di capire la voglia di comunicare. – Bruno Munari – Insegnante di scuola dell’infanzia per passione, amo ripetermi che leggere fra le righe dell’arte sia una forma di comunicazione privilegiata della quale i bambini sono i veri maestri. Laureata in Scienze dell’Educazione con una Tesi dedicata al confronto fra i modelli mass mediali in relazione alla multicultura e alla multireligiosità in una prospettiva interculturale, scelgo di perfezionarmi successivamente proprio in Educazione Interculturale, convinta che saper guardare sempre “oltre”, osservare attentamente e ascoltare con curiosità, siano una buona chiave di lettura per stare al passo con questo mondo che non si ferma mai, proprio come i bambini ai quali dedico il mio lavoro. Proprio come l’Arte, alla quale dedico il mio entusiasmo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.