Tre registi e tre declinazioni del cinema al Festival del cinema latinoamericano

2122

Un festival di cinema può essere anche occasione di confronto e condivisione di esperienze tra pubblico e registi. Occasione che si è tenuta mercoledì mattina con l’incontro con Ricardo House, Ignacio Agüero e Alex Quiroga alla Scuola Superiore per interpreti e traduttori di Trieste (SSLMIT)

Tre modi diversi di declinare l’argomento cinema: a) l’introduzione del cinema nelle scuole, 2) il progetto di televisione educativa e 3) cinema a basso budget.

IGNACIO AGUERO

Agüero, cineasta cileno e protagonista della retrospettiva di questa edizione, ha portato la sua esperienza nel “Frente del no”: un programma andato in onda per 15 minuti durante 30 giorni.

Il “Frente del no” aveva l’obiettivo di eliminare la dittatura di Pinochet e si rivelò un interessante esperienza di comunicazione politica, esperienza che oggi sarebbe praticamente impossibile, dati la situazione e gli strumenti di comunicazione completamente diversi.

Il regista si esprime come cineasta e artista ma anche come insegnante in un Master di cinema e porta avanti il progetto “ZERO IN CONDOTTA”, rete che sviluppa idee per rendere possibile l’entrata  del cinema nelle scuole.

RICARDO HOUSE

Autore cileno- messicano, ha dedicato una trilogia- il terzo “La batalla futura” è stata protagonista in questa edizione del Festival ( e un quarto film è in lavorazione)- alla figura di Roberto Bolano, scrittore e poeta.

Ma più che poeta, House ha descritto Bolano nel suo lato rivoluzionario e contestatore, uno dei capisaldi del cosiddetto “InfraRealismo”

Il percorso riguardante la televisione educativa gli ha permesso nel corso degli anni di viaggiare molto e portare avanti quella passione e quel desiderio, che coltivava fin da piccolo, di fare documentari.

ALEX QUIROGA

Terzo a raccontare la sua esperienza ai ragazzi, Quiroga ha raccontato del suo progetto di cinema a basso budget , presentato a Madrid, che prosegue ormai da 17 anni.

Avevo già un progetto in un’azienda, ma il volevo fare cinema, con passione

Il regista è stato protagonista a Trieste, nella sezione Eventi Speciali-Premio Arcoiris, con “Our Héroes”- “A nuestros heroes” che è un omaggio ad Alfred Hitchcock.

Ha maturato questa idea per due anni nei quali si è messo in contatto con diversi attori che condividevano la sua stessa ammirazione per Alfred Joseph Hitchcock e l’entusiasmo per il progetto che consta di sei diverse storie.

UN’OCCASIONE PER GLI STUDENTI

L’incontro è stata un’occasione anche per gli studenti che si laureeranno interpreti per mettersi  alla prova traducendo  simultaneamente dallo spagnolo gli interventi degli autori

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.