In tempi di pandemia il pensiero che sta dietro alla situazione narrativa del Decameron – quello dell’arte come fuga, conforto, rifugio – è tornato improvvisamente attuale.

Sul web e non solo, nei mesi passati sono fioriti pensieri e suggestioni sul potere del racconto e sulla capacità dell’arte in generale di regalare spazi di pensiero e di sollievo.

Il progetto DECAMERON MIELA nasce dalla stessa necessità, ma anche dall’esigenza, di riflettere sui tempi incerti e sospesi che stiamo vivendo.

Da dal 5 al 20 settembre e poi in altre giornate nel corso della stagione, prenderemo così come guida e pretesto il capolavoro del Boccaccio per proporre alcune giornate di cinema, musica e teatro, unite a momenti di dibattito e di riflessione (momenti quanto mai necessari, visto che assistiamo alla voglia e ai tentativi di tornare ad un ‘prima’ pandemia, mentre pare piuttosto evidente che viviamo in una specie di interregno di cui nessuno sa prevedere la durata e gli effetti sul nostro modo di vivere).


Parleremo con filosofi e scrittori come Pier Aldo Rovatti e Paolo Rumiz, vedremo la sontuosa versione cinematografica del Decameron dei Fratelli Taviani, ascolteremo le novelle del Boccaccio ma anche musiche di ogni genere (dalle potenti commistioni di Cesare Basile e i Camminanti, alle personalissime novelle musicali di Giovanni Truppi fino alla musica contemporanea unita ai profetici racconti di pandemia di Mary Shelley).

Imitando i dieci giovani della Firenze del Trecento ci ritroveremo al Miela, luogo sicuro (forse sicurissimo, viste le stringenti norme cui sono sottoposti i teatri rispetto ad altri luoghi) a ‘raccontare storie’ di ogni genere in attesa che i tempi migliorino.

sabato 5 settembre ore 21.30

GIOVANNI TRUPPI  solo piano

Un menestrello, un “trovadore” medievale? In viaggio su un camper con il suo pianoforte smontabile è partito da Ventimiglia e arriverà a Trieste. Un musicista dallo stile personalissimo, l’ artista perfetto per aprire “Decameron Miela”

venerdì 11 settembre ore 21.30

CESARE BASILE & Caminanti –CUMMEDDIA

Cesare Basile  è tra i più autorevoli e innovativi cantautori italiani degli ultimi decenni.  Il geniale musicista è tornato sulle scene con l’album “Cummeddia” che in siciliano in siciliano vuole dire cometa o aquilone. Il passaggio di una cometa è segno infausto, presagio di sventure pubbliche, monito divino, annuncio di peste.

sabato 12 settembre ore 18.30

IN VIRUS VERITAS

incontro/dibattito con Pier Aldo Rovatti e Giovanni Leghissa.

A conclusione della sua raccolta di riflessioni, In Virus Veritas,  scritte per il quotidiano “Il Piccolo” tra fine febbraio e fine maggio 2020 (e pubblicata in e-book da Il Saggiatore), il filosofo Pier Aldo Rovatti indicava “un bivio tra il prima e il dopo che ci mette alla prova. ”. A discorrere insieme a lui vi sarà Giovanni Leghissa, professore associato di Filosofia e Teoria dei linguaggi presso l’Università di Torino.  

A seguire Generi di conforto boccacceschi. Una novella del Decameron nella riscrittura di Aldo Busi. “ Frate Puccio e lo stage di santità ”

Domenica 13 settembre ore 21.00


L’ULTIMO UOMO
monologhi e dialoghi, storie e suoni in tempi di epidemie

Monica Giust – clarinetto, Elisabetta de Mircovich – violoncello ed Ella de Mircovich-Brandmayr – voce narrante.

Un testo inedito dalla traduzione di  The Last Man (L’ultimo uomo)  di Mary Shally . Un romanzo apocalittico che narra  della fine dell’umanità a causa della peste. Un affascinante e coinvolgente gioco di riflessi fra musica  e parole che unisce musica e letteratura.

sabato 19 settembre ore 18.00

Generi di conforto boccacceschi
HOKUM BLUES SONGS , con Franco “Toro” Trisciuzzi

Ore 18.30

Incontro/presentazione del libro di Paolo Rumiz
IL VELIERO SUL TETTO – APPUNTI PER UNA CLAUSURA
con Paolo Rumiz e Enzo D’Antona

Paolo Rumiz presenta per la prima volta a Trieste il suo ultimo libro, una raccolta di pensieri e considerazioni scritti freneticamente durante il periodo del lockdown. Una via di fuga per la mente che diverrà, per lo scrittore e autore di tanti reportage, “il viaggio più interessante di tutta la mia vita”. Un intimo, insolito e affascinante diario di bordo scritto dalla plancia di un veliero immaginario: il tetto di casa

domenica 20 settembre ore 20.00

MARAVIGLIOSO BOCCACCIO (Cinema) Nel 2015 i fratelli Taviani, decisero di rileggere il Decameron ispirandosi a cinque celebri novelle, raccogliendo un cast d’eccezione, alludendo al tempo presente e alla crisi delle giovani generazioni e alternando la citazione di quadri rinascimentali ad un potente realismo. Drammatiche o argute, erotiche o grottesche, tutte le novelle hanno come unico, grande protagonista l’amore, nelle sue innumerevoli sfumature.

A precedere il film Generi di conforto boccacceschi.
Andrea Romano in IL TEATRO E LA PESTE di Antonin Artaud
video, 9’, realizzato al Teatro Miela per il progetto “O teatro e a peste”/BOCA -Biennal of Contemporary Arts di Lisbona (bocabienal.org)

Il programma è consultabile sul sito del Teatro Miela www.miela.it .

i biglietti sono acquistabili on line su vivaticket,  o prenotabili  scrivendo a biglietteria@miela.it.  Per informazioni chiamare allo  040365119 da lunedì a venerdì dalle 9.00 alle 17.00. Vi ricordiamo che la è obbligatoria  la prenotazione del posto fornendo i dati personali anche per le serate ad ingresso libero. 

Decameron Miela

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.