Da sabato 30 maggio fino al 5 luglio a Castel Sant’Angelo parte la rassegna di teatro. Eventi dalle 9 alle 2 con ingresso gratuito (5€ per gli spettacoli).

Avvio in grande stile per la quarta edizione del Roma Fringe Festival che dal 30 maggio fino a metà luglio arricchirà il cartellone dell’estate romana. Questa mattina la presentazione del programma durante la conferenza stampa in Campidoglio.

Sabato alle 20.30 da piazza Adriana arriverà un collettivo di artisti, giocolieri e performer. A seguire, dalle 21.30 sul Palco A, Claudio Santamaria, Marco Cocci, Elio Germano e gli altri artisti del collettivo 7607 apriranno la rassegna. Cambio di location per il festival che da quest’anno sarà ospitato dal Parco Adriano, nei giardini di Castel Sant’Angelo. «Come in tutte le capitali europee, il Fringe meritava una cornice di primo piano» – dichiara il direttore artistico Davide Ambrogi.

Ottantadue spettacoli, diciotto eventi speciali per più di un mese in cui il teatro sarà il protagonista assoluto. Nove le rappresentazioni che ogni sera animeranno Parco Adriano. Fra gli eventi da segnalare, il 6 giugno Massimo Wermuller con “Il Pellegrino”, il 13 giugno Johnny Palomba e il 20 giugno Valerio Aprea. Di respiro più internazionale l’ultima settimana della rassegna fino al 12 luglio con spettacoli da tutta Europa e da tutto il mondo. Il 27 giugno spazio alla nuova scena americana con ospiti da New York e St. Louis, mentre il 4 luglio sarà protagonista la musica francese con il “Paris Rockin’”.

Roma Fringe Festival è realizzato in collaborazione con il Municipio Roma I Centro, con il patrocinio di Assessorato Roma Produttiva e Città Metropolitana e l’Assessorato alla Cultura di Roma Capitale. Da quest’anno, inoltre, la collaborazione con Roma Expo trasformerà i giardini di Castel Sant’Angelo in un’area internazionale, dove si incontreranno le delegazioni estere in Italia per Milano, con convegni sull’alta innovazione tecnologica.

Author Details
Giornalista pubblicista, collabora da qualche anno con diverse testate nazionali di cultura e spettacolo. Si è laureata all’Università del Salento in Scritture Giornalistiche e Multimedialità, dopo aver conseguito la laurea triennale in Scienze della Comunicazione. Si interessa in modo specifico alla scena musicale indie italiana attraverso le interviste ai protagonisti e i concerti. Appassionata di fotografia, frequenta corsi e partecipa a workshop. Il genere prediletto è il fotogiornalismo, oggetto, fra l’altro, della tesi di laurea specialistica. Nell’ultimo periodo si accosta anche alla fotografia di spettacolo documentando attraverso le immagini le esibizioni dal vivo in tutta la provincia leccese.
×
Giornalista pubblicista, collabora da qualche anno con diverse testate nazionali di cultura e spettacolo. Si è laureata all’Università del Salento in Scritture Giornalistiche e Multimedialità, dopo aver conseguito la laurea triennale in Scienze della Comunicazione. Si interessa in modo specifico alla scena musicale indie italiana attraverso le interviste ai protagonisti e i concerti. Appassionata di fotografia, frequenta corsi e partecipa a workshop. Il genere prediletto è il fotogiornalismo, oggetto, fra l’altro, della tesi di laurea specialistica. Nell’ultimo periodo si accosta anche alla fotografia di spettacolo documentando attraverso le immagini le esibizioni dal vivo in tutta la provincia leccese.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.