Un classico della letteratura di Luisa May Alcott in scena al Teatro Porta Portese

891

Il giovane Michele Di Francesco ricostruisce fedelmente i romanzi di Luisa May Alcott.
La storia di una famiglia medio borghese alle prese con le privazioni della guerra e i disagi economici, il desiderio di emancipazione femminile…

Al teatro Porta Portese, la “Compagnia degli Indie” ci accompagna nelle vicende della celebre famiglia March. Portando in scena “Piccole Donne” e “Piccole Donne Crescono”, lo spettacolo si presenta come una vera e propria saga. Il giovane Michele Di Francesco ricostruisce fedelmente i romanzi di Luisa May Alcott e con la suggestiva scenografia di Vize Ruffo e i costumi dell’epoca, sogniamo le avventure delle quattro sorelle e dei loro giovani amori.

- Advertisement -

Sullo sfondo della guerra di secessione americana, le giovani March si mostrano allo spettatore raccontando sogni, paure e i desideri più nascosti e risulta per noi impossibile non condividere con loro gioie e aspettative. Fanno da cornice i tanti personaggi che affollano la vita della famiglia; l’affascinante Lory e il suo serio precettore, l’acida e zitella zia March, il colto professor Baher che talvolta contribuiscono a rendere lo spettacolo comico.

La storia di una famiglia medio borghese alle prese con le privazioni della guerra e i disagi economici, il desiderio di emancipazione femminile e il tentativo di appagamento delle proprie passioni costellano questo racconto tutto al femminile. La vicenda si snoda tra il sogno di realizzazione delle aspirazioni di ognuno e la crescita personale di queste piccole donne.

Trasportati da questa romantica e commovente storia familiare non possiamo fare a meno di proiettarci nel mondo che la Alcott e il nostro regista hanno reso così vivido.

- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.