Un serio spettacolo non serio (danza e stampa nell’Italia fascista) di Giulia Taddeo.

Qual è stato l’atteggiamento della stampa del tempo fascista nei riguardi della danza teatrale? Quali i discorsi, le istanze e l’immaginario che, sull’argomento, emergono dalle colonne di quotidiani e periodici?

Il volume (edizioni Mimesis, collana “Filosofie del Teatro”, pagine 260) affronta simili questioni mediante l’analisi di un’imponente mole di documenti quasi totalmente inediti e capaci di aprire prospettive inusuali sulla danza italiana del primo Novecento.

Dal riconoscimento della danza come autentica forma d’arte alla contrapposizione (spesso violenta) fra “tradizione” italiana e “modernità” straniera, dalla difesa della tecnica accademica all’apprezzamento per forme di danza “libera”, infatti, la stampa intercetta, filtra e rielabora processi culturali di ampia portata, la cui complessità è qui presa interamente in carico e restituita mediante una costante lettura critica delle fonti.

Ne risulta un lavoro intimamente “corale”, in cui le voci di anonimi cronisti si intrecciano con quelle di uomini di teatro e di artisti di spicco e che, proprio in virtù del suo carattere polimorfo, riesce forse ad aprire uno squarcio sulla contraddittorietà di un’intera epoca storica, il tutto mantenendo sempre fermo il punto di vista, volutamente e proficuamente “minore”, sul corpo che danza.

L’autrice

L’autrice Giulia Taddeo ha conseguito il titolo di dottore di ricerca in Cinema, Musica e Teatro presso il Dipartimento delle Arti dell’Università di Bologna, dove è attualmente docente a contratto per il corso di Organizzazione ed economia dello spettacolo.

Il suo percorso di ricerca si è svolto presso istituzioni italiane e straniere (Fondazione Giorgio Cini, Venezia; New York Public Library for the Performing Arts, New York), e ha visto la partecipazione a seminari e convegni nazionali e internazionali.

Ha vinto nel 2010 il Concorso Nazionale di Critica Teatrale “Lettera 22” e ha successivamente esercitato attività di critico militante su testate cartacee e on-line. Dal 2011 è membro della redazione della rivista, fondata e diretta da Eugenia Casini Ropa, “Danza e Ricerca. Laboratorio di studi, scritture, visioni”.

La casa editrice

La casa editrice Mimesis nasce come associazione culturale nel 1987, su iniziativa di Pierre Dalla Vigna, con lo scopo di raccogliere e diffondere le idee che animano la riflessione italiana ed europea.

Nel 2006 Luca Taddio affianca Pierre Dalla Vigna nella direzione editoriale e nella nuova compagine sociale. Assieme danno vita a MIM edizioni srl, attuale detentrice del marchio “Mimesis”. Pur mantenendo la sua attitudine filosofica, Mimesis espande presto i confini dei propri interessi alle scienze umane e alla letteratura.

Lo stretto rapporto con il mondo universitario e la costante esplorazione di nuovi ambiti d’indagine hanno garantito alla casa editrice un catalogo sempre più vasto. Oltre a garantire una produzione editoriale di valore scientifico, la vocazione di Mimesis per il pensiero libero e indipendente si esprime anche attraverso la più completa autonomia dei propri autori.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.