Un successo italiano al RIFF, Adriano Giotti

1650

SEX COWBOYS è uno dei film di Adriano Giotti più gettonati al Rome Independent Film Festival.

Regista classe 1984 è noto al pubblico per aver vinto diversi premi tra cui L’Amnesty International Award al Giffoni Film Festival con il suo cortometraggio ‘Piume’.

Nel 2014 è inserito nella Rassegna dei Giovani Autori italiani a La Biennale di Venezia 2015.

Sempre nello stesso anno esce il suo corto “A vuoto”, finanziato dalla Toscana Film Commission, che entra nella cinquina al Globo d’Oro 2015.

Il sesso è il motore trainante della vicenda e della relazione nata tra Simone, giovane romano e Marla, studentessa spagnola in Erasmus.

L’orgasmo dei due giovani all’inizio del film evidenzia con gemiti di piacere l’intesa e intensa passione dei due protagonisti.

Un flash back ci riporta alla conoscenza avvenuta tra i due: una sbronza che atterra la bionda e sexy Marla alla perspicace intraprendenza di Simone nel precipitarsi a salvarla da una accidentale caduta sui gradini di una casa nel quale voleva rifugiarsi.

Un giro in moto e tra i due in una notte nasce quella scintilla di cui difficilmente entrambi riescono a liberarsi.

Sex Cowboys di Adriano GiottiUna crisi dovuta alla mancanza di denaro per pagare l’affitto porta i due a sfruttare le loro doti sessuali sul web.

Per ottenere un buon guadagno ben presto dovranno per rispondere a richieste sempre più esasperate, dal sesso scambista a quello gay tra Simone e un cliente che mette a dura prova la relazione tra i due.

Un film che nei suoi 70’ minuti lascia perplessi e porta il sesso ad un’esasperazione tale da mettere in ridicolo gli stessi giovani nomadi.

Precari della loro esistenza alla fine sono ricondotti grazie al passato turbolento della giovane Marla a comprendere che il sesso anche se bello e stravagante non può essere retribuito o costituire una merce di cambio, poiché dei benefici se ne gode solo quando veramente ci si ama.

MOSTRI, invece, è un corto diretto dallo stesso regista che dimostra una grande abilità dietro la cinepresa a prescindere dal tipo di prodotto che andrà a realizzare.

Dopo Mostri gira il corto “Esseri di stelle”, prodotto da Rai Cinema e attualmente in post-produzione.

Dedito a ritrarre nelle sue pellicole la gioventù di oggi con le problematiche più estroverse che vanno, dal sesso (Sex Cowboy) all’aborto (Chewing gum) e alla droga come in questo film in cui padre e figlio vengono messi di fronte ad una decisione: scegliere tra una misera rassegnazione della propria condizione attraverso un violento turbamento dei sensi o ribellarsi ad essa lasciandosi tutto il passato alle spalle.

La morte del cane di famiglia da parte del figlio che drogato lo getta nel fiume, fa ricongiungere i due in un abbraccio fraterno, quasi a riconoscere nel silenzio il suono della sofferenza.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.