Unghie all’Ar.Ma Teatro di Roma. Intervista al regista Francesco Branchetti

142

Torna all’Ar.Ma Teatro Francesco Branchetti questa volta alla regia di Unghie un monologo forte e inteso interpretato da Isabella Giannone.

- Advertisement -

Unghie un testo scritto da Valentina Fratini. Di cosa parla?

È un toccante viaggio nella follia di un’assassina. La sconvolgente storia di Anna, che da ragazzina problematica vittima di maltrattamenti in famiglia riesce a diventare la prostituta più ricercata di una prestigiosa casa di tolleranza. La protagonista racconta gli eventi della sua esistenza mettendoli in parallelo con la maniera in cui, fase dopo fase, si curava le unghie. 

“Le unghie” è scritto appunto da Valentina Fratini, ed è interpretato da Isabella Giannone, le musiche sono di Pino Cangialosi. Si tratta di un’affascinate esplorazione del lato più oscuro della mente femminile. Rinchiusa dietro le sbarre di un carcere che ormai la imprigiona da troppo tempo, Anna – bellissimo volto consumato dal dolore – ricorda le diverse fasi della sua vita.

Un monologo intenso che parla di maltrattamenti in famiglia. Su cosa fa leva la sua regia?

Soprattutto sulla complessità della psicologia della protagonista e sulla ricostruire il suo profilo psicologico in maniera credibile e sicuramente di grande impatto sul pubblico.

Qual è il messaggio che vuole lanciare questo testo?

Io ho cercato soprattutto di rendere chiaro quanto possa essere difficile ma altrettanto affascinante conoscere davvero la complessità di una psicologia come può essere quella di Anna o di altri personaggi altrettanto sfaccettati e prismatici.

Cosa vorrebbe restasse impresso al pubblico?

La consapevolezza di quanto può essere complesso l’animo umano e di quanto spesso siamo portati a semplificare e a giudicare senza conoscere senza sapere e senza avere gli elementi per farlo.

Ha diretto diversi spettacoli teatrali. Cosa gli è rimasto maggiormente nel cuore?

Mi è rimasto soprattutto nel cuore il lavoro delle prove, i grandi progetti e il rapporto con certi attori soprattutto il lato umano del lavorare in teatro e poi mi sono rimasti nel cuore certi incontri per me indimenticabili .

Ci sono progetti futuri?

Sì ho diversi progetti che debutteranno nella prossima stagione per adesso proseguono le tournée degli spettacoli che sono in scena adesso e mi ritengo già molto fortunato.

Un invito ai nostri lettori. Perchè vedere Unghie?

Per fare un viaggio molto particolare ed affascinante nella parte più scura della mente femminile.

- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.