Ritorna, questo fine settimana, l’appuntamento con uno degli eventi più attesi dai giovani musicisti di tutto il mondo.
Saranno dieci le formazioni, delle 25 ensemble preammesse, che si contenderanno dal 7 al 9 Settembre l’ambito Premio Trio di Trieste al Ridotto dei Teatro Verdi.

Premiate sia l’esecuzione che la composizione; spazio quello riservato alla composizione non sempre facile per il pubblico più ampio ma che, nelle parole della Direttrice Artistica Fedra Florit, è un segno di evoluzione della musica e del gusto musicale.

Il Concorso di composizione è nato negli ultimi anni, intervallato con quello di esecuzione, in collaborazione con l’Associazione Chromas

Fare la carriera del musicista, come affermato nella conferenza stampa di presentazione a più riprese da più soggetti e sponsor, non è facile: ecco perché si sente la necessità di scendere in campo per aiutare e premiare i musicisti più meritori, fornendogli in questo caso un primo palcoscenico su cui esibirsi.

Un Premio, il Premio Trio di Trieste, che è ormai un

Riferimento certo e assoluto e una delle eccellenze non solo triestine ma nazionali e internazionali

Un’iniziativa di questo tipo rimarca il ruolo della musica come ponte fra culture, in quanto promuove gli scambi internazionali e fa emergere come donare bellezza alla città contribuisca a elevare il tessuto sociale della stessa.

Un Premio possibile anche grazie agli sponsor, soprattutto privati.

Oltre al Comune e all’INCE (Iniziativa CentroEuropea) al fianco degli organizzatori sostengono i partecipanti e i vincitori, con molteplici premi pecuniari: la Fondazione CRTrieste, Generali, Illy, Samer&CoShipping, Beneficentia Stitfung, Fondazione Casali, il Rotary Club, Civibank, il Conservatorio Giuseppe Tartini e molte personalità e famiglie di privati cittadini.

Le formazioni in gara

Due quest’anno le formazioni italiane: il duo Rugani-Sabatini e il trio Chagall, accanto a loro i duo Piano Violino Cho- Dotto (SudCorea Italia/Usa), Sarasvathi- Nowak (Indonesia Polonia) e il duo della viola Polinskaja- Balan (Germania- Israele Russia).

Per quanto riguarda il duo misto piano-cello ad esibirsi sarà il duo Gunter- Kim ( Germania Francia) e Katharina e Anouchka Hack (Germania)

Per i trio accanto al già citato Trio Chagall, i Lux Trio (Sud Corea) e i Vision (Lettonia). A completare il quartetto Werther.

La Giuria

Nelle varie giornate, in gara, le dieci formazioni scelte dalla prestigiosissima e internazionale Giuria 2019 del Premio.

Una giuria composta da sette membri: il presidente Luigi Piovano e il pianista Maurizio Baglini; il lituano David Geringas designato dall’Accademia Chigiana di Siena; Alberto Martini, designato dal Conservatorio di Trieste; la giapponese Yasuko Matsuda, l’austriaco Johannes Meissl e il violista giapponese Junichiro Murakami.

Le novità

 Questa edizione, che raggiunge il traguardo (non scontato o prevedibile) dei vent’anni ha recentemente ottenuto l’importante riconoscimento della Medaglia del Presidente della Repubblica.

A sostenere il Premio è anche la sede Rai Fvg che quest’anno trasmetterà il concerto dei vincitori del 9 Settembre in diretta da Rai Radio3.

Un ulteriore novità, per festeggiare il traguardo, è anche il documentario che sarà realizzato da Davide Del Degan.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.