VIAGGIO inVERSO… L’occasione di un viaggio verso se stessi

666

Un tempo immobile quello che viene ricreato da Rosi Giordano nell’antro del teatro Keiros nella riscrittura teatrale dei racconti “il Marinaio” di Fernando Pessoa e “Il colore di Bianca” di Maria Enrica Prignani. Lo spettatore sprofonda nel buio nero che ricopre tutto – come pinocchio nel ventre della balena – e trova conforto solo nei 3 cilindri bianchi e impalpabili che stanno sospesi nell’aria al centro di un palco delimitato da sassi bianchi e sguardi.

Essenziale e d’effetto l’uso di questi involucri galleggianti: bozzoli di insetti o placente di mammiferi, comunque sembrano “resti di case” abbandonate da creature venute alla luce, e si presteranno, generosi, ad accogliere i racconti dei 3 personaggi narranti. Un gioco di luci e proiezioni guidate da Michele Favorito trasformerà oggetti e corpi in uno schermo che si animerà di altri numerosi e inattesi volti, immagini di memorie evocate e apparse nella nebbia.

Le voci come onde, prima sussurrate e poi urlate, daranno il cambio ai gesti muti e ripetuti di ciascun personaggio, creando una sinfonia di solitudini condivise, in un perfetto coro greco. Canti di delfini saranno intonati sul palco sulle note e i ritmi del cantastorie Michele Albini che crea, osserva e rilancia atmosfere, dal margine esterno ricavato per lui al confine della narrazione.

I corpi si inseguono, corrono, si toccano di continuo, i piedi nudi calpestano la terra per non perderne il contatto, necessario, sicuro. E torneranno sempre a rifugiarsi in quelle case di seta che sapranno cullarli, ospitarli, nasconderli. La storia che ciascuno porta con se è un fardello pesante, di cui l’altro si farà carico, da cui l’altro cercherà di difenderlo, senza riuscirci.

Un’atmosfera onirica e straniante ti avvolge mentre Enrico Epifani, Giulia Bornacin e Maria Enrica Prignani presteranno i loro corpi alle tue paure, ai tuoi desideri, alle tue fragilità, e resterai a guardarli costruire mondi sognati in una nuova instabile e perfetta geometria dei sentimenti nei quali resterete tutti prigionieri fino alla fine. Solo dopo potrai respirare, di nuovo. “Sono stanco di aver sognato, ma non sono stanco di sognare” .

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.