Il 15 settembre una delle più grandi tragedie di William Shakespeare, Macbeth, ha conquistato il pubblico del Globe Theatre.

Fino al 1 ottobre l’opera, tradotta ed adattata da Daniele Salvo, avvolgerà il teatro di Villa Borghese in una fredda e cupa Scozia medievale, tra ambizione, esoterismo e brama di potere.

La scena si apre su un campo di battaglia dove valorosamente combattono le forze di Norvegia e Irlanda, guidate da Macdonwald contro i soldati di re Duncan (Carlo Valli), tra i quali spiccano per il loro coraggio e la loro prodezza Macbeth (Giacinto Palmarini) e Banquo (Francesco Biscione).

Questi ultimi, dopo aver sconfitto gli avversari, intraprendono la via del bosco per far ritorno a casa quando, nelle tenebre della fitta vegetazione, appaiono tre streghe (Silvia Pietta, Giulia Galiani e Francesca Mària) che con premonizioni e profezie svelano ai due uomini il loro futuro. Con voce stridula proveniente da un mondo oscuro e lontano accompagnano Macbeth nei suoi pensieri più maligni e tormentati, accendendo quella brama di potere che da sempre lambisce il suo nobile animo.

La vera artefice del destino dell’uomo

Ma la vera artefice del destino dell’uomo è Lady Macbeth, una donna potente e nevrotica, che con un’inquietante e insaziabile ambizione spinge il marito a inseguire i suoi desideri più oscuri e malvagi, guidando la sua mente e la sua mano nell’assassinio del re.

Lady Macbeth, magistralmente interpretata da Melania Giglio, domina la scena accecando il marito e conducendolo verso le sue ambizioni più segrete, con un animo divorato dalle contraddizioni, una frenesia che la spinge al di là di ogni limite, un’insoddisfazione perenne e una forza che annienta l’essenza umana.

Macbeth inizialmente appare forte e sicuro, ma poi incubi e visioni lo tormentano, sprofonda nelle sue stesse fragilità, non riuscendo a mantenere quella fredda e disinvolta apparenza che caratterizza sua moglie.

Ma, alla fine, anche quest’ultima nelle notti sonnambule mostra le sue debolezze, svelando così una coscienza ambigua e contraddittoria.

Lo spettacolo rivela, ancora una volta, la potenza di questa tragedia senza età che si snoda tra insidie, paure, desideri e rimorsi che flagellano l’animo umano fino a ridurlo a un involucro freddo e vuoto in una notte perenne. Non c’è speranza, né grazia in questa “fiaba marcita” come viene chiamata dal regista.

E in un’atmosfera buia e inquietante il pubblico rimane, anche oggi, turbato di fronte al dramma della fragilità umana.

  • Articoli
Chi sono
Giulia Bianchi, 1991. Studia giurisprudenza, ma il suo sogno è scrivere. Partecipa a concorsi di poesia con proposte di pubblicazione. Amante dell’arte in tutte le sue forme spera di poter fare della sua passione un lavoro, sperimentandosi nel giornalismo culturale.
×
Giulia Bianchi, 1991. Studia giurisprudenza, ma il suo sogno è scrivere. Partecipa a concorsi di poesia con proposte di pubblicazione. Amante dell’arte in tutte le sue forme spera di poter fare della sua passione un lavoro, sperimentandosi nel giornalismo culturale.
Latest Posts

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.