Corso gratuito per Attori “Orazio Costa”, ce ne parla Pier Paolo Pacini

3416

Al via un nuovo biennio del corso di formazione gratuito Corso Attori “Orazio Costa” promosso dal Centro di Avviamento all’Espressione all’interno della Fondazione Teatro della Toscana.

- Advertisement -

Sabato 8 settembre al Teatro della Pergola di Firenze si terrà l’incontro conoscitivo tra tutti i candidati che avranno sottoscritto la domanda di partecipazione nei termini e alcuni insegnanti del Corso, in orario 11-13 e 14-18.

Le audizioni avranno luogo a partire da mercoledì 12 settembre.

Ce ne parla Pier Paolo Pacini, direttore del Centro di Avviamento all’Espressione (CAE) e della Scuola per Attori “Orazio Costa” presso la Fondazione Teatro della Toscana.

Orazio Costa - Ambasciatori dell'Arte
Orazio Costa – Ambasciatori dell’Arte

Nel bando, tra i principi che mettete alla guida di questa iniziativa, si legge che puntate a formare prima di tutto le persone e poi gli attori. Anche questo rientra nella tradizione Orazio Costa?

Certamente, nell’idea originale di Orazio Costa prima di tutto bisognava formare le persone affinché potessero diventare cittadini coscienti in grado di contribuire in modo positivo alla società. Facendo questo gli si dona gli strumenti necessari per analizzare il mondo attorno a loro così da poterlo rappresentare al meglio sul palcoscenico.

Se si mette da parte questo aspetto, a mio parere, si rischia di creare solo dei gusci vuoti pronti a esibirsi a teatro come delle marionette.

Quindi sarà su questo che si concentrerà la vostra formazione?

Esattamente, vogliamo tornare all’idea del teatro come una sorta di tempio in cui, chi ci lavora, non si occupa solo degli spettacoli da portare al pubblico ma anche della sua manutenzione. Così facendo speriamo di instaurare nei nuovi attori un certo grado di rispetto per il luogo in cui lavorano.

E come mai avete scelto di rendere questi corsi gratuiti?

Credo che sia tra i compiti di un teatro nazionale quello di organizzare corsi di formazione come questo, ovvero di introduzione al teatro, in modo che siano gratuiti e che siano in grado di raggiungere quante più persone possibili.

Lo facciamo anche per continuare a portare avanti la tradizione e i valori dei corsi di Orazio Costa che hanno sempre garantito, a chi viene selezionato, di ricevere una formazione di eccellente qualità senza doverla pagare. Alla fine si tratta solo di premiare la meritocrazia.

Lei ha anche avviato il progetto del Niccolini, pensa di far partecipare quei ragazzi a questi corsi come insegnanti?

Probabilmente parteciperanno a qualche lezione, se non come insegnanti almeno come “studenti veterani”. Dato che useremo il metodo mimico per formare i nuovi arrivati, i ragazzi del Niccolini saranno fondamentali nell’abbattere il muro della timidezza che potrebbe essere presenti negli studenti più giovani.

Anche perché, voglio dire, a quale ragazzo o ragazza non verrebbe da ridere la prima volta che magari gli viene chiesto di fare la parte di un albero o di un animale?

Unendo le due esperienze puntiamo quindi ad ottimizzare il lavoro dei corsi e a dare un punto di riferimento ai nuovi studenti.

Orazio Costa - I ragazzi del Niccolini
Orazio Costa – I ragazzi del Niccolini
- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.